Attualità

Post Laurea: i consigli per scegliere un buon Master per proseguire gli studi

Una volta conseguita l’ambita Laurea Magistrale, muoversi nel mondo dei Master non è semplice come può sembrare. Se la scelta del percorso Magistrale infatti è quasi ovvio, le diverse tipologie di Master e Scuole di Specializzazione invece sono...

Una volta conseguita l'ambita Laurea Magistrale, muoversi nel mondo dei Master non è semplice come può sembrare. Se la scelta del percorso Magistrale infatti è quasi ovvio, le diverse tipologie di Master e Scuole di Specializzazione invece sono tantissime e per questo il compito arduo, a fronte tra l'atro di prezzi decisamente alti. Il Master è un investimento su sé stessi, per il proprio futuro, un costo in fatto di tempo e di denaro, proprio per questo è bene scegliere bene il tipo di percorso e l'ente formativo che lo eroga.

Vademecum per specializzarsi al meglio: scelta dell'ente

I Master in commercio ( https://www.bbs.unibo.it/hp/ ) sono innanzitutto di due grandi tipologie: i Master accreditati e riconosciuti e quelli che invece non sono accreditati. Quest'ultima tipologia sostanzialmente rilascia un attestato di partecipazione, ma non un titolo legalmente riconosciuto. Si tratta quindi più di corsi di specializzazione piuttosto che di Master veri e propri.

I docenti infatti non sono sempre professori, anche se magari sono profili aziendali molto interessanti da ascoltare. I Master accreditati da Asfor o da EFMD invece sono un altro pianeta: il titolo è riconosciuto in Italia e all'estero e le norme cui fanno riferimento sono ministeriali. Gli enti di accreditamento specializzati si occupano di certificare la qualità dei master a livello internazionale.

I Master accreditati garantiscono di solito circa un 80% di possibilità di avere un lavoro, per questo uno dei primi parametri da valutare è se il Master è accreditato o meno. I Master erogati da Università degli Studi di solito sono accreditati: ad esempio i corsi della Bologna Business School sono tutti accreditati.

Un fattore importante: l'esperienza sul campo

Scegliere un Master accreditato significa scegliere un percorso di studi con una forte interazione con il tessuto produttivo e lavorativo, che permette allo studente di apprendere sul campo ed entrare poi più facilmente nel mondo del lavoro. Una buona organizzazione non si limita a stabilire delle convenzioni con delle imprese disposte a formare per un periodo dei tirocinanti, ma anche ad organizzare il giusto numero di questi in formazione.

A volte infatti può capitare che la medesima azienda si impegni ad ospitare più studenti di quelli che in realtà può formare e poi inserire eventualmente nell'organico. Il tempo per lo stage e l'approfondimento teorico deve essere comunque equilibrato come monte ore, perché avere alle spalle un progetto formativo di livello è fondamentale. Il giusto equilibrio è circa un 50 e 50.

Altri parametri da prendere in considerazione

Per garantire la qualità e il livello, i Master seri selezionano l'accesso degli aspiranti allievi, se non altro sondando la potenzialità dei candidati. Lo scopo di un Master infatti, non è fare cassa, ma formare profili d'eccellenza. Oltre poi a specificare i profili adatti alla frequentazione del Master, vengono dichiarati gli obiettivi formativi, le finalità, i contenuti ed i metodi di insegnamento.

I docenti devono essere di alto livello e dovrebbe esserci anche un buon numero di tutor cui poter fare riferimento. Anche se un costo elevato non è di certo sufficiente per garantire la qualità di un Master, il prezzo di solito non scende al di sotto dei 5 mila euro. Grazie a borse di studio e prestiti d'onore tuttavia, il costo può essere ridotto ed è prova ulteriore di serietà dell'ente che eroga il corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Post Laurea: i consigli per scegliere un buon Master per proseguire gli studi

ArezzoNotizie è in caricamento