Polo Universitario Aretino: il primo ad avere sede nelle scuole superiori e inserimento diretto nel mondo del lavoro

Il Polo Universitario Aretino si rinnova unitamente al nuovo progetto “La Tua Provincia ti Cresce”

Si rinnova il polo universitario aretino: la prima università in Italia con sede nelle scuole superiori e con diretto inserimento nel mondo del lavoro grazie alla collaborazione con le imprese del territorio.

"Ringrazio Camera di commercio, Confindustria, tutto il cda ed i dirigenti scolastici - dice Silvia Chiassai Martini, presidente della Provincia di Arezzo e del polo universitario aretino - che hanno creduto e permesso di realizzare un progetto ambizioso, che prende avvio grazie alla rinnovata governance, che mi vede tra l'altro impegnata in prima persona assumendo la carica diretta di presidente del polo universitario aretino per lavorare allo sviluppo e all'ampliamento dell'offerta formativa nella nostra provincia a beneficio di studenti e imprese che producono ed investono sul nostro territorio".
L'idea innovativa, è emerso durante la conferenza stampa di presentazione, è nata dalla necessità di promuovere opportunità già dalla scuola superiore, sensibilizzando gli studenti e le famiglie verso scelte consapevoli che possano offrire anche un proseguo degli studi attraverso corsi di laurea sempre nella nostra Provincia in stretta collaborazione con le più importanti aziende del territorio, che ricercano un numero elevato di figure formate soprattutto nel mondo dell'informatica ma non solo. Il corso di laurea in Ingegneria informatica del prestigioso Politecnico di Milano, che già da anni è attivo, è in grado di garantire un posto di lavoro nelle aziende del nostro territorio, che non riescono a trovare un numero sufficiente di giovani laureati rispetto alle loro necessità.

Da quest'anno, ha sottolineato Chiassai, "un'altra importante novità, stiamo formalizzando un'importante collaborazione con il dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Siena che offrirà nuovi corsi esclusivi per la nostra provincia che riguarderanno l'ambito della pubblica amministrazione e quello del settore agrario, realtà in forte evoluzione e che necessita di giovani formati che possano inserirsi nelle tante aziende presenti nelle nostre vallate. Dunque, un progetto innovativo quello del Polo Universitario e del nuovo progetto 'La tua provincia ti cresce', che offre agli studenti e alle famiglie, la prima possibilità in Italia di intraprendere un percorso fin dalla scelta della scuola superiore, che poi permetterà allo studente di proseguire con un percorso universitario di eccellenza proprio all'interno della stessa scuola superiore".

"Una novità - precisa Silvia Chiassai Martini - che permetterà ai nostri ragazzi, nonostante i mutamenti legati al Covid, di frequentare le lezioni universitarie all'interno del loro istituto superiore, in piccoli gruppi con la didattica a distanza ed un tutor per materia che li seguirà fino agli esami, quindi saranno garantite le direttive per il distanziamento ma permettendo la socializzazione, elemento fondamentale che non può essere più trascurato. Inoltre, questo permetterà alle famiglie di non sostenere costi aggiuntivi legati ai trasporti e continueranno ad avere i propri figli impegnati sul territorio in un percorso universitario strettamente legato al mondo del lavoro grazie alla sinergia con le più importanti aziende della nostra Provincia". Si tratta "di offrire agli studenti e alle loro famiglie un percorso formativo basato su un ventaglio di opportunità legate, oltre che alle abilità e alle attitudini personali,anche a reali opportunità professionali che la molteplicità delle aziende del territorio offrono, permettendo loro di fare scelte di studio che possano concludersi, come giusto che sia, con la facilitazione in ingresso nel mondo del lavoro come previsto dai recenti indirizzi governativi scuola-lavoro".

La Fondazione del Polo Universitario Aretino, vede tra i fondatori la stessa Provincia, la Camera di commercio e Confindustria oltre a numerosi soci, molti Comuni, che hanno a cuore la formazione e il futuro dei loro giovani, prestigiose imprese nei settori della moda, della meccanica e dell'elettronica,dell'oreficeria, dell'agricoltura, del turismo, il cui scopo è quello di offrire sul territorio opportunità in termini di sviluppo, ricerca ed innovazione, in funzione di una esigenza che si fonda non soltanto su un'opportunità ma anche sul soddisfacimento di richieste che provengono dallo stesso mondo imprenditoriale che richiede figure sempre più qualificate e specializzate verso i nuovi settori soprattutto legati alle imprese 4.0, così come quelle più tradizionali ora legate alla cosiddetta green economy, senza contare la possibilità di realizzare vere e proprie start up.

"In questi mesi - ricorda Massimo Guasconi, presidente della Camera di commercio di Arezzo-Siena - il polo universitario aretino con il supporto attivo della Camera di commercio Arezzo-Siena, della Provincia di Arezzo, delle categorie economiche e comuni del territorio, ha elaborato un articolato piano di sviluppo per la formazione universitaria e l'alta formazione sulla base delle esigenze del sistema economico locale. Le attività si sono al momento focalizzate sui corsi di ingegneria informatica e sul corso attivato dalla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Siena ad Arezzo di Arezzo. Ma, visto anche i risultati positivi che in questi anni il Polo ha ottenuto, ogni proposta di rafforzamento della sua offerta didattica non può che essere condiviso". Soprattutto "se in grado di valorizzare maggiormente il rapporto con il sistema economico locale e con gli istituti scolastici superiori della provincia , come appunto è in grado di fare il progetto proposto dalla presidente Chiassai. Rendere operativi gli istituti superiori per alcune tipologie di corsi di laurea rappresenta un'occasione da cogliere. Sia perché permette al Polo Universitario di rapportarsi in maniera più stretta con il mondo scolastico, individuando, anche su indicazioni delle comunità locali e dell'associazionismo economico, proposte formative più calibrate alle esigenze del tessuto economico dei singoli territori e sia perché, favorendo una maggiore e più semplice fruibilità dei corsi universitari, è in grado di far crescere il numero degli studenti e quindi il loro livello culturale e tecnologico". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento