menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Podere Rota, il sindaco non si nasconda e dica no all'ampliamento"

L'attacco della lista civica di Castelfranco Piandiscò nelle persone dei consiglieri Gianmarco Brunetti, Orietta Gagliardi e Marco Morbidelli

"Durante la campagna elettorale avevamo sostenuto la battaglia per la chiusura della discarica, ma appena concluse le elezioni regionali, ecco che prende vita la nuova società Valdarno Ambiente che, udite bene, annuncia con tanto di comunicato stampa, l’ampliamento di Podere Rota”. Attacca così una nota della lista civica di Castelfranco Piandiscò, nelle persone dei consiglieri Gianmarco Brunetti, Orietta Gagliardi e Marco Morbidelli.

"Si parla di un nuovo ampliamento - dicono - nonostante le tante promesse, i comprovati impatti ambientali e i gravi disagi alla salute dei cittadini e di tutto il territorio. Ormai sui rifiuti comandano le società di smaltimento. Alcune settimane fa la Lista Civica Castelfranco Piandiscò ha denunciato pubblicamente la presenza di cattivi odori nei pressi della Scuola dell’Infanzia di Castelfranco di Sopra, provenienti dalla discarica. Denunciate all’Arpat regionale, ma nulla. Per tutta risposta ecco l’ampliamento. Siamo ormai giunti al 2021, data prevista della chiusura della discarica, e non possiamo accettare il silenzio dei sindaci della vallata che devono ricordarsi degli impegni presi e lottare per evitare qualsiasi forma di permanenza degli impianti dopo il 2021. Ci aspettiamo e chiediamo, come Lista Civica di Castelfranco Piandiscò, che il sindaco Enzo Cacioli non si nasconda dietro silenzi come suo solito sul problema e prenda posizione su questo nuovo grave atto, anche nei confronti della Regione e del Presidente Giani. Non possiamo di fatto accettare che questa situazione, addolcita dalla sigla Valdarno Ambiente comporti la morte definitiva del nostro territorio e delle nostre speranze di salute che riguardano tutti i cittadini del Valdarno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento