rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

Infermiere domiciliare, Pm Allarmi dona 120 smartphone per sostenere il servizio

La società aretina si è fatta promotrice di una raccolta fondi che ha permesso l'acquisto

Pasquini Pm Allarmi in collaborazione con Calcit e le aziende UnoAerre, Chimet, Italpreziosi, Zone Creative, Galvanica Formelli, Novart, si è fatto promotore della raccolta fondi per la donazione di 120 cellulari all'Ordine Professioni Infermieristiche, ad uso degli infermieri domiciliari.

L'infermiere domiciliare è un professionista responsabile dei processi assistenziali della popolazione a lui assegnata per competenza territoriale, che cerca di aumentare il controllo sulla salute delle persone. Ce n'è uno ogni 3mila persone, circa: in sostanza, ogni cittadino che abita nell'area vasta Sud Est della Toscana ha un "Infermiere di Famiglia e Comunità" assegnato. Il servizio, dopo la sperimentazione del 2020, diventa oggi effettivo.

"Si ringrazia la famiglia Butali che rappresenta Euronics, fornitore delle apparecchiature donate", specifica Pm Allarmi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermiere domiciliare, Pm Allarmi dona 120 smartphone per sostenere il servizio

ArezzoNotizie è in caricamento