Scuole, Chiassai: "Più soldi al Governo per edilizia, personale e trasporti"

Silvia Chiassai, responsabile nazionale dell’edilizia scolastica ha relazionato giovedì 23 luglio 2020 al Comitato direttivo Upi (Unione Province italiane) sulle criticità della scuola in vista della riapertura

La presidente della Provincia di Arezzo, Silvia Chiassai Martini, responsabile nazionale dell’edilizia scolastica ha relazionato giovedì 23 luglio 2020 al Comitato direttivo Upi (Unione Province) sulle criticità emerse in merito all’attuazione del Piano scuola 2020-21 affrontando i principali temi che vanno dalle Risorse, all’edilizia leggera, al Piano trasporto scolastico e Trasporto pubblico locale (Tpl), ai poteri Commissariali dei Presidenti di Provincia, oltre alle criticità legate alla mancanza di personale.

“Da due mesi, sia gli enti che i dirigenti scolastici, stanno lavorando al massimo per permettere una ripresa della scuola in presenza e in sicurezza. La sfida è molto importante ma anche complessa, grazie al lavoro svolto da tutti i soggetti coinvolti siamo in grado di effettuare una prima ricognizione di quanto si sta verificando sui singoli territori, quadro che sarà rappresentato sui Tavoli di confronto nazionali. Le questioni cruciali sono in primis le risorse, al momento sono disponibili i 100 milioni del piano operativo nazionale, difficilmente flessibili alle esigenze riscontrate e comunque insufficienti. Sulla questione però sembra vi siano novità, sembrano in arrivo 30 milioni per spese correnti - utilizzabili finalmente ad es. per locazioni o altri spazi da reperire, che permetterebbero di risolvere le situazioni più complesse - saranno ripartiti la prossima settimana sulla base degli studenti presenti. Mentre attendiamo ancora il riparto di 855 milioni per il periodo 2020-2024 in conto capitale che però sono destinati solo per interventi di manutenzione straordinaria a respiro pluriennale. Mentre una notizia molto importante riguarda L’approvazione del Dpcm di riparto dei 100 milioni per l'assistenza degli studenti disabili, tanti ragazzi che rischiano troppo spesso di non avere la giusta attenzione. Nonostante gli sforzi, i fondi per le scuole sono purtroppo ancora insufficienti per questo abbiamo richiesto 1 miliardo al Governo, che sembrerebbe orientato a concedere da destinare a personale, edilizia e Tpl/trasporto scolastico. A tal riguardo proprio sul Tpl è previsto un tavolo nazionale e Upi chiede linee guida nazionali precise e risorse specificamente destinate, la mancanza di chiarezza sta creando troppa incertezza su una tematica fondamentale tanto quanto gli spazi. Per quanto riguarda la questione banchi e arredi è previsto il bando del commissario Arcuri per l'acquisto di 1,5 milioni di banchini e sedute innovative che ritengo poco funzionali ed eccessivamente costosi, oltre al rischio altissimo che la consegna non possa avvenire in tempo per Settembre”  La ripartenza è ancora una questione in piena evoluzione ma voglio rassicurare le famiglie su l’impegno che gli enti ed i dirigenti scolastici, che ringrazio, stanno mettendo  perché si possa ripartire con un nuovo modo di stare a scuola ma con didattica in presenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento