Giovedì, 16 Settembre 2021
Attualità

Più arresti e denunce, triplicate le notizie di reato, 600mila euro in più dalle multe. Il bilancio della Pm

Sono triplicate le notizie di reato da parte della Pm di Arezzo, aumentati anche gli arresti e le denunce. Sono circa 600mila euro in più le risorse che arrivano dalle multe. E' tempo di bilanci per la polizia municipale di Arezzo, guidata dal...

DECORO-GHINELLI-POPONCINI-MAGI-CECCHINI

Sono triplicate le notizie di reato da parte della Pm di Arezzo, aumentati anche gli arresti e le denunce. Sono circa 600mila euro in più le risorse che arrivano dalle multe. E' tempo di bilanci per la polizia municipale di Arezzo, guidata dal comandante Cino Augusto Cecchini. Un corpo adesso ridotto a 78 agenti dopo il pensionamento di 12 persone e che attende rinforzi con il bando di assunzione di quattro nuove figure.

"Sono i dati di nove mesi di attività che mettono in evidenza un incremento di attività", ha commentato l'assessore alla sicurezza e la personale Barbara Magi che ha sottolineato il grande impegno profuso negli ultimi mesi per la zona di Saione".

A entrare nel dettaglio è stato il comandante della polizia municipale Cino Augusto Cecchini:

"Un dato importante sono le notizie di reato, nel 2017 trasmesse in numero quasi triplo rispetto allo scorso anno, di cui 59 a carico di stranieri - ha spiegato Cecchini - sono aumentati anche gli arresti e le denunce. L'unico dato in flessione è quello relativo agli incidenti stradali: questa riduzione del 15% testimonia che la presenza delle pattuglie con i sistemi di controllo della velocità e delle targhe hanno sortito effetti positivi. L'attività della polizia municipale ha avuto un aumento non solo quantitativo ma anche qualitativo. Prima che arrivassi, il servizio di polizia municipale era costituito da 90 persone per poi scendere a 80, nonostante questo è aumentata anche l'attività di polizia amministrativa che ha visto in prevalenza il controllo degli esercizi di vicinato. Siamo impegnati a fare sempre più e meglio, è già stato pubblicato un bando per quattro posti da agenti e l'auspicio è che vengano aumentati anche gli ufficiali".

E' stato poi il vice comandante della Pm Aldo Poponcini a scendere nel merito delle risorse entrate in seguito alle attività sanzionatorie:

"Da gennaio a luglio sono stati incassati 2 milioni e 200mila euro, si stima circa 600mila euro in più rispetto all'anno scorso."

I dati

Il primo dato importante è il numero dei veicoli controllati: a fronte dei 3.014 del 2016, ne sono stati controllati 3.312, di cui 37 con targa straniera (33 nel 2016) e 59 autocarri (54 nel 2016).

Ulteriore elemento è quello dei posti di controllo di polizia stradale che sono stati 354 nel 2017 contro i 304 nel 2016. Inoltre, durante i maggiori eventi, la polizia municipale è impegnata a sovrintendere la sicurezza con presidi specifici.

Un dato significativo è quello dell'attività della centrale operativa che ha ricevuto finora 38.440 telefonate contro le 35.409 del 2016. Di queste 8.973 erano richieste di intervento che sono state prese in carico dal personale operante nel territorio (8.205 nel 2016).

Altro elemento rilevante sono le visure nei pubblici registri richieste dal personale in strada al fine di verificare la correttezza dei documenti esibiti dai cittadini controllati: 4.620 visure nel 2017 contro le 4.224 nel 2016.

Sicuramente si è poi particolarmente incrementata l'attività di polizia giudiziaria e di infortunistica stradale. Quest'anno, infatti, sono state trasmesse alla procura di Arezzo e di Firenze presso il tribunale dei minorenni 203 notizie di reato (di cui 59 a carico dei cittadini stranieri) contro le 89 del 2016; eseguendo tra l'altro nove arresti in flagranza di reato (7 cittadini stranieri) contro i 5 del 2016.

Gli uffici addetti hanno raccolto 1.035 denunce/querele contro le 997 del 2016. In aumento le constatazioni per guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti o alcool: 24 contro le 17 del 2016.

Leggera flessione invece del numero degli incidenti rilevati dalla Pm: 509 nel 2017 contro 577 nel 2016. Di questi, 258 con feriti (262 nel 2016), 4 mortali (erano 7 nel 2016), e 5 con prognosi riservata (erano 6 nel 2016), mentre i rimanenti 242 non hanno registrato feriti (276 del 2016).

Un leggero aumento ha subito anche l'attività sanzionatoria che ha visto elevare 41.568 verbali contro i 39.579 del 2016, con un aumento del 5,3%; in particolare, sono in aumento i veicoli sequestrati e i fermi amministrativi, mentre in leggero calo patenti e carte di circolazione ritirate.

Inoltre nei primi nove mesi del 2017 la polizia municipale ha sgomberato cinque edifici pubblici occupati illegalmente denunciando gli autori degli illeciti. È stata scoperta una casa di riposo totalmente abusiva nella quale, grazie a una totale sinergia con la procura della Repubblica, che ha delegato una perquisizione sul posto, sono stati trovati 13 anziani, molti dei quali non autosufficienti; oltre al ritrovamento di cibi e medicinali scaduti e conservati in modo inadeguato.

Per quanto riguarda l'attività della polizia amministrativa sono stati sanzionati 5 cittadini che svolgevano attività abusiva di commercio in area pubblica, violazione che, oltre alla sanzione, prevede il sequestro della merce e delle attrezzature utilizzate. Attraverso un'attività di controllo congiunto con la Guardia di Finanza, in un esercizio di vicinato sono state sequestrate merci contraffatte ed è stato denunciato all'autorità giudiziaria il titolare. Particolare attenzione è stata rivolta alle vendite straordinarie e a quelle sottocosto che rappresentano una delle forme di concorrenza sleale più segnalata.

Attraverso un'attività di controllo congiunto con la Questura di Arezzo, è stato sanzionato un gestore di una sala scommesse e video lottery che gestiva apparecchi senza licenza. Particolare attenzione è stata rivolta alla vendita di alcolici che ha portato alla denuncia di un gestore di un pubblico esercizio per aver venduto alcolici a un minore di 16 anni. Altre 5 attività sono state sanzionate per aver venduto alcolici a minori con età compresa tra i 16 e i 18 anni.

Un capitolo a parte va riservato all'ordinanza anti alcol che ha portato a elevare un numero complessivo di oltre 30 verbali ma che, grazie ai controlli effettuati, ha consentito di sanzionare 3 esercizi di vicinato che vendevano alcolici dopo mezzanotte in violazione della legge. In 7 casi è stata rilevata la vendita di bevande in bottiglie di vetro dopo le 21. A seguito di alcuni accertamenti in materia di alcol e violazione del regolamento di polizia urbana, sono state sospese le attività di tre esercizi di vicinato. È in corso l'iter per la sospensione dell'attività di un quarto negozio che ha venduto alcolici a minori di 16 anni. Inoltre, è stato verificato il rispetto del regolamento per le sagre e le feste paesane in 13 occasioni.

Sono state controllate 13 attività ricettive extra alberghiere (b&b, affittacamere, case vacanza) e in 9 casi sono state riscontrate irregolarità. A seguito di esposti, in 9 casi è stato sanzionato lo svolgimento di attività musicale esterna senza le prescritte autorizzazioni comunali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più arresti e denunce, triplicate le notizie di reato, 600mila euro in più dalle multe. Il bilancio della Pm

ArezzoNotizie è in caricamento