rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità viale dei ricercatori

FOTO | Pionta tra Risiko delle competenze, progetti e degrado. Qui il "paradiso" della sosta selvaggia

Recentemente il comitato Rinascita Pionta ha lanciato una petizione online per chiedere che vengano effettuati interventi volti a combattere il fenomeno del parcheggio abusivo nell'ottica di valorizzare il parco cittadino

C'è chi le lascia sul bordo delle strade interne, chi le piazza a ridosso delle aree verdi e chi nei pressi della palazzina dell'orologio. Il fenomeno della "sosta selvaggia" è, da sempre, una ricorrente all'interno del Colle del Pionta. Un dato di fatto sul quale, recentemente, si sono concentrati i membri del comitato Rinascita Pionta proponendo una petizione. "Noi firmatari - si legge nel documento - riteniamo che sia indispensabile liberare il parco dalle auto. Per questo chiediamo interventi urgenti. Chiediamo che gli enti pubblici coinvolti, il Comune (che dovrebbe regolare la sosta e mobilità urbana), la Usl e l’Università si incontrino e realizzino, una volta per tutte, quei piccoli interventi infrastrutturali necessari".

Pionta: il Risiko delle competenze

Da fine degli anni '90 parte delle strutture dell'ex ospedale psichiatrico sono diventate di proprietà dell'Università di Siena che qui ha creato una costola del proprio ateneo. L'UniSi si è così aggiunta all'elenco delle istituzioni proprietarie insieme all'Asl Toscana sud est, Provincia e Comune di Arezzo. Quattro enti che secondo una planimetria ben precisa si dividono fabbricati, spazi e infrastrutture. La titolarità della rete viaria interna al Pionta, come si evince della mappa, è della Asl. All'azienda sanitaria dunque, dovrebbe spettare l'onere di comprendere come e a chi rendere l'area accessibile a bordo di una vettura. In passato, in corrispondenza degli accessi di via dei ricercatori e via Laschi erano stati messi dei dissuasori e delle transenne che consentivano soltanto ai mezzi autorizzati di accedere all'area. Poi, come reso noto dalle cronache cittadine, nel 2012 gli impianti vennero danneggiati - in via Laschi la transenna venne abbattuta - e da allora non sono stati ripristinati.

 Colle del Pionta - La planimetria

La segnaletica c'è ma viene ignorata

Va detto che, in corrispondenza degli accessi (via dei ricercatori e via Laschi) campeggiano vistosi cartelli di divento di transito e parcheggio. Perché, come detto, non solo non è consentito parcheggiare all'interno del Colle del Pionta ma non sarebbe permesso neppure l'accesso a meno di non essere in possesso di permesse specifici per motivi sanitari, lavorativi o comunque per i quali è stato ottenuto il nulla osta dai soggetti proprietari. La segnaletica? Esiste ed è ben visibile ma, come spesso in questi casi, viene vistosamente ignorata.

Sosta selvaggia al Colle del Pionta: le immagini all'interno del campus universitario

Il piano di riqualificazione

Esattamente due anni fa, la Asl Toscana sud est ha presentato il progetto di riqualificazione per la cui realizzazione venne stimato un investimento di 13 milioni di euro (di cui circa 11 ottenuti con l'accesso a fondi pnrr). Le opere sono partite con la demolizione della palazzina ex cucine e proseguite con il completamento del centro per l'autismo realtà, quest'ultima, che sarà operativa entro l'anno in corso. Contestualmente è stato condotto - dall'Università - un percorso d'ascolto dei cittadini, raccolta suggerimenti e road map che ha portato alla stesura di un masteplan condiviso. In quest'ultimo progetto sono state evidenziate attività che porteranno all'edificazione di un ristorante, un bar, lo spazio per lo sport, valorizzazione degli scavi archeologici e un centro di aggregazione giovanile.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ArezzoNotizie è in caricamento