Pio Borri, lo studente partigiano ucciso a 20 anni. Anpi: "Perché memoria non si cancelli"

L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, sezione di Arezzo, ricorda l'uccisione di Pio Borri

L'Anpi provinciale di Arezzo ricorda Pio Borri, ventenne, studente universitario alla facoltà di Giurisprudenza, patriota, catturato durante un rastrellamento e barbaramente ucciso dai fascisti al Mulino di Bucchio a Stia, l'11 novembre 1943. Fu animatore e organizzatore del movimento giovanile Giustizia e Libertà di Arezzo, componente della prima formazione partigiana di Vallucciole.

"Che il sacrificio di Pio Borri sia di monito per tenere sempre vivi gli ideali dell'antifascismo e della Resistenza, anche in questo difficile momento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento