Piccoli pazienti: progetto della Azienda Usl Sud Est per un approccio ludico alla riabilitazione

Nella Fase 2 il Dipartimento delle Professioni Tecnico Sanitarie, della Riabilitazione e della Prevenzione afferenti alle Unità Funzionali di Salute Mentale Infanzia Adolescenza riorganizza il percorso di cura per i bambini

Abituare i bimbi al rientro negli ambulatori di riabilitazione attraverso il gioco. E’ questo lo scopo del progetto elaborato dagli operatori professionali di riabilitazione del Dipartimento delle Professioni Tecnico Sanitarie, della Riabilitazione e della Prevenzione afferenti alle Unità Funzionali di Salute Mentale Infanzia Adolescenza (SMIA) dell’Azienda Toscana Sud Est. Un percorso ludico e intuitivo arricchito dalle illustrazioni di Veronica Viti, le parole e l’impaginazione di Lucia Ceccherini, Francesca Marcomigni e Maria Luisa Martini che accompagnerà genitori e piccoli pazienti nella ripresa delle attività riabilitative.

“L'emergenza  Covid ha messo tutti – spiega Antonella Lorenzoni, Dirigente Professioni Sanitarie della Riabilitazione del Dipartimento delle Professioni Tecnico Sanitarie, della riabilitazione e della prevenzione - nelle condizioni di dover ripensare modalità e modelli di presa in carico. Il mio plauso e ringraziamento va – continua Lorenzoni – a  tutti i colleghi che hanno saputo far fronte a tutto questo senza mai perdere di vista i pazienti e i loro bisogni. La loro professionalità e il senso di responsabilità  ha reso possibile che anche da un momento così critico emergessero spunti e iniziative volti alla migliore cura e riabilitazione, seppur con presupposti nuovi e inaspettati”.

Il progetto della Asl Sud est è nato nelle settimane di lockdown ed è stato strutturato pensando a come i bambini e gli adolescenti avrebbero affrontato la ripresa delle attività riabilitative. Una ripartenza differente, in cui gli operatori di riabilitazione e gli specialisti avrebbero indossato i Dispositivi di protezione individuale, apparire diversi agli occhi dei piccoli pazienti.
Gli operatori professionali di riabilitazione della Sud Est hanno continuato, anche durante il lockdown, a prestare il proprio servizio ma con modalità differenti.
Nella Fase 2 le pratiche di lavoro “alternative” saranno affiancate o sostituite da percorsi nuovamente in presenza che necessitano di una
rimodulazione nei tempi e nei modi. Il progetto elaborato sarà attivo in tutte le UF SMIA dell'Azienda USL Toscana Sud Est, ovvero nelle
zone distretto Valdarno, Aretina, Valtiberina e Casentino, Val di Chiana Aretina; Amiata Grossetana, Colline Metallifere e Zona
Grossetana, Colline dell'Albegna; Senese, Val d'Elsa, Val di Chiana Senese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento