Attualità

Più cantonieri e nuovi spargisale: ecco il piano neve della Provincia di Arezzo

Dal 15 novembre è scattato l'obbligo di catene a bordo per tutti gli automobilisti in transito lungo le strade statali, regionali e comunali

Più mezzi e più uomini.
E' su questi punti che l'amministrazione provinciale di Arezzo incentra il piano neve che è pronto per essere testato in tutto il territorio.

Nel frattempo lo scorso 15 novembre sulle strade provinciali, statali e comunali è scattato l'obbligo di viaggiare con le catene a bordo o pneumatici invernali.

Per fronteggiare in modo adeguato gli interventi sulle nostre strade e per garantire la sicurezza - afferma la presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martiniho ritenuto indispensabile investire sulle figure dei cantonieri e su i mezzi, anche per dar seguito al piano neve”.

Il dettaglio del piano neve

"La viabilità è una competenza fondamentale, direi strategica, per la sicurezza dei nostri cittadini - spiega la presidente Chiassai - Purtroppo la Delrio, legge che ha riformato le Province, in maniera miope e francamente incosciente, ha tagliato drasticamente le risorse per questi interventi, quindi ci troviamo in difficoltà estrema, anche per il numero dei dipendenti della Viabilità, che in passato variavano da 25 a 40 per zona, adesso al massimo sono 5, ma in alcune aree sono rimasti addirittura in due.
Appena insediata un anno fa, tra le prime cose 
sono stata a visitare tutte le zone ed i relativi dipartimenti per sentire direttamente da loro, quali fossero le principali criticitàDa subito ho dato la direttiva di procedere con il reclutamento dei cantonieri, indispensabili, anzi decisivi per i nostri territori.
Quindi, attraverso un concorso pubblico ed il superamento di diverse prove, sono stati selezionati 12 cantonieri  che saranno al lavoro  già dal mese di dicembre. Questo ci permetterà di arrivare a 5 dipendenti per zona, affrontando  così  anche la questione  dei  pensionamenti. Detto questo dobbiamo sottolineare come, nonostante le nuove forze, il numero dei lavoratori è insufficiente per garantire un servizio puntuale. Per questa ragione altri  ne  verranno assunti g  all'inizio del 2020.
Inoltre, ho deciso di investire nei mezzi indispensabili per la manutenzione delle strade  e  per garantirne la massima sicurezza soprattutto durante l’inverno,  ovvero per  lo spargimento del sale e  per gli i nterventi  in caso di  neve.  Q uest’anno  infatti,  sono stati acquistati u n autocarro - assegnato alla zona 10 Casentino, un autocarro 4x4 da cantiere allestito con lama sgombraneve da abbinare a spargisale, che verrà consegnato alla zona 9 Casentino, oltre ad un nuovo spargisale. Sono invece in corso di acquisizione: una macchina operatrice, idonea ad eseguire opere di scavo, movimento terra, taglio erba e movimentazione dei carichi, nonché ulteriori veicoli per il personale della cantoneria del Servizio Viabilità e della Polizia Provinciale. In fine siamo già operativi con  il Piano Neve, per la riduzione del rischio e  per  la gestione delle emergenze di Protezione Civile,  atto necessario  per la viabilità di collegamento tra i comuni, le strutture sanitarie e quelle deputate alla gestione delle emergenze.  Infatti , oltre a mantenere libere le strade dalla neve e dal ghiaccio, l'attività del nostro Servizio Viabilità rappresenta un importante elemento di supporto alle operazioni di soccorso e di assistenza alla popolazione. Più volte negli anni, in caso di nevicate eccezionali, l'efficienza del sistema provinciale ha garantito il supporto a camionisti in difficoltà ed il transito sulle viabilità alternative predisposte durante la chiusura delle grandi arterie statali come nel caso della chiusura della E45 e dell'autostrada del sole”.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più cantonieri e nuovi spargisale: ecco il piano neve della Provincia di Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento