Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Chiude la banca del paese, fioccano manifesti: "Addio anche a Poste e Polizia". Il sindaco: "Fake news, denuncio"

Caso a Piandiscò, dove a partire da giugno ci sarà la serrata della filiale di Intesa Sanpaolo. Contestualmente sono stati affissi dei fogli critici con l'amministrazione che mettono in allerta su altre possibili chiusure. Ma il primo cittadino Enzo Cacioli va al contrattacco

Enzo Cacioli, sindaco di Castelfranco Piandiscò (immagine tratta alla pagina facebook del Comune)

I residenti di Piandiscò restano senza la sua banca. Dopo la avvisaglie dei giorni scorsi, è il sindaco di Castelfranco Piandiscò Enzo Cacioli ad intervenire pubblicamente sull'argomento, confermando quando temuto: da giugno addio allo sportello Intesa Sanpaolo.

Contestualmente il sindaco ha denunciato quanto sta avvenendo nella comunità, con la diffusione di fogli in cui si critica l'amministrazione per la chiusura dello sportello, ma anche - c'è scritto sui manifesti - per l'imminente serrata delle Poste e dell'ufficio della Polizia Municipale della zona. Queste due ultime chiusure però sarebbero state inventate di sana pianta, dice il primo cittadino. "Sono falsità", ha affermato ieri Cacioli in una diretta facebook al vetriolo. Esprimendo "amarezza e disappunto", ha poi annunciato anche azioni legale nei confronti di chi ha diffuso e affisso i manifesti e chi li ha ospitati, offrendo spazi e bacheche. Il primo cittadino ha detto infatti che l'iniziativa, diffondendo notizie prive di fondamento, sarebbe tesa a screditare il Comune, creando inutile allarmismo. Sulla banca ha poi aggiunto di non poter incidere sulle scelte aziendali di una realtà come Intesa Sanpaolo (ex Ubi banca), ma almeno sarà lasciato uno sportello bancomat.

Il commento della Fabi

Sulla questione dello sportello chiuso, Fabio Faltoni, sindacalista della Fabi, ribadisce quanto già espresso a inizio anno, al momento del passaggio da Ubi a Intesa che portò a tagli e accorpamenti: "Quando c'è una chiusura si tratta sempre di una scelta sbagliata, perché è errato l'arretramento sul territorio. Per noi è un impoverimento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude la banca del paese, fioccano manifesti: "Addio anche a Poste e Polizia". Il sindaco: "Fake news, denuncio"

ArezzoNotizie è in caricamento