Mercoledì, 16 Giugno 2021
Attualità Pescaiola / Via Pietro Nenni

"La mia vita era diventata un calvario, al San Donato di Arezzo mi hanno salvato"

Pubblichiamo la lettera di un lettore che ringrazia medici e operatori del reporto di Urologia

Riceviamo e pubblichiamo da un nostro lettore, Antonio Turi.

Mi sono ammalato nell'aprile del 2017 e, una cosa che sembrava banale e di facile soluzione, è diventata un calvario.
Finché non sono arrivato all'ospedale San Donato di Arezzo.  
Persone appena conosciute si sono mostrate amichevoli, accoglienti, attente e soprattutto, di grande competenza.
Mi sono sentito compreso, rassicurato.
Dopo tanti mesi di smarrimento e dolore, ho intravisto una speranza.
Quella speranza è diventata realtà grazie al dottor Michele De Angelis e a tutti i medici, infermieri e operatori sanitari del reparto di urologia.
La grande professionalità e l’umanità che li ha contraddistinti nel prendersi cura di me, hanno fatto sì che dopo un lungo periodo di difficoltà, sia tornato a una vita normale.
Non potrò che pensare sempre a tutti con riconoscenza e augurare loro di continuare così l'eccezionale lavoro.

Antonio Turi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La mia vita era diventata un calvario, al San Donato di Arezzo mi hanno salvato"

ArezzoNotizie è in caricamento