Con il lockdown Pau riscopre il disegno. Il frontman dei Negrita lancia le sue opere in edizione limitata

Le opera sono presentate on line nel sito dedicato e sono in vendita autografate, timbrate e numerate. Sono in edizione limitata

Si chiama Paolo Bruni. Conosciuto come Pau, è l'apprezzato frontman, paroliere e cantante dei Negrita. La band aretina, una delle più longeve in Italia, è sulla breccia da oltre 25 anni, anche grazie ai molti successi: “Cambio”, “Ho imparato a sognare”, “Rotolando verso sud”, “L'uomo sogna di volare”, “Hemingway”, “Brucerò per te”, “Il Gioco”, tanto per citare alcuni titoli. Senza dimenticare “I ragazzi stanno bene”, che al Festival di Sanremo 2019 lanciò un messaggio forte e chiaro. Poi, dopo una lunga serie di concerti, a primavera è arrivato il lockdown, lo stop agli spettacoli e alla musica dal vivo. Un periodo difficile, triste e silenzioso, che ci ha messo tutti a dura prova. Ma proprio durante l'isolamento, Pau, artista a 360º, ha riscoperto una sua vecchia, grande, passione: il disegno. “Impara l'arte e mettila da parte”. Mai proverbio fu più azzeccato per un ex studente di architettura diventato poi musicista professionista. In un susseguirsi di creazioni, nasce anche l'idea di far conoscere le proprie opere, grazie a Instagram. Viene alla luce la pagina “pau_scarabocchia”, a gran richiesta si sviluppa un originale progetto che mira ad andare oltre al “solito” evento/mostra espositiva. Uno shop online? Sì, ecco l'ultima trovata di questo geniale e poliedrico personaggio. Mentre continua a comporre brani e melodie, da poche ore è attivo il sito https://www.pauhaus.it (sarà casuale l’assonanza con la famosa scuola tedesca Bauhaus?), con una iniziale serie delle sue opere create, tra l'altro con varie tecniche: dalla linoleografia al graffito, dall’inchiostro all'acrilico e all’acquerello. Momentaneamente 12 opere (fine art print su carta certificata) in tiratura limitata, firmate, numerate e timbrate dall'autore. La stampa rispetta i requisiti di conservazione museale e tutte le realizzazioni arrivano all'acquirente con certificato di autenticità e un segnalibro con dedica disegnato dall’artista.

"Pochi giorni fa Pau si era reso protagonista di una virtuale missiva di protesta indirizzata al Ministro Franceschini, chiedendo che i lavoratori della musica fossero “trasferiti” nel Ministero delle cause perse. Non sappiamo se il destinatario avrà letto quella lettera. Ma anche al Ministro dei Beni culturali, intanto, consigliamo di dare un'occhiata al sito Pauhaus, davvero molto interessante."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento