menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
AREZZO PALAZZO COMUNE

AREZZO PALAZZO COMUNE

Organizzazione macchina pubblica. Parola ai dipendenti del Comune, Rsu: "Dite la vostra online"

"Votate. Dite la vostra sul benessere organizzativo della macchina amministrativa". E' questo in estrema sintesi l'ultimo appello lanciato direttamente dalla Rsu dei lavoratori di Palazzo Cavallo che, in vista dell'attivazione online del...





"Votate. Dite la vostra sul benessere organizzativo della macchina amministrativa".
E' questo in estrema sintesi l'ultimo appello lanciato direttamente dalla Rsu dei lavoratori di Palazzo Cavallo che, in vista dell'attivazione online del questionario sul funzionamento della macchina amministrativa hanno invitato tutti i dipendenti del Comune di Arezzo a far sentire la propria voce.

"E' una rara occasione - fanno sapere attraverso una nota stampa i rappresentanti di Fp Cgil, Fp Cisl, Fpl Uil e Csa - per esprimere il punto di vista dei dipendenti nei confronti dell'organizzazione".
L'operazione sarà effettuabile a partire da oggi attraverso il portale internet dell'amministrazione comunale aretina. Il questionario sarà composto da tutta una serie di domande ed indicatori che consentiranno ad ogni singolo lavoratore di potersi esprimere sulla qualità del benessere organizzativo. Il tutto in forma completamente anonima.

"Puntualmente come ogni anno - proseguono i sindacati - considerato il malessere ormai radicato nella maggior parte dei dipendenti del Comune di Arezzo, a causa delle ormai annose e note vertenze che si sono succedute negli ultimi anni, fra i lavoratori ricorre la tentazione di ignorare o boicottare questo strumento, considerato da alcuni/e come un semplice esercizio di routine, uno dei mille adempimenti autoreferenziali, necessari per raggiungere gli obiettivi dei dirigenti, ma che non produrrà alcun effetto. L'argomento è stato discusso anche all'interno della Delegazione sindacale. Pur comprendendo il legittimo scoramento provato dai colleghi, la maggior parte dei rappresentanti sindacali considerano questa rilevazione come uno dei rarissimi strumenti in cui è data ai lavoratori la possibilità di esprimersi. Pertanto invitano ad approcciarsi al questionario con la massima serietà e franchezza. I risultati del questionario saranno la cartina al tornasole da cui affioreranno inevitabilmente il malessere e il generalizzato senso di abbandono, dal quale non potranno continuare a prescindere i dirigenti e gli amministratori del Comune di Arezzo. E poiché è vero che lo strumento potrebbe comunque correre il rischio di rimanere inutilizzato nelle mani della dirigenza, sarà cura dei lavoratori e dei loro rappresentanti pretendere che i risultati siano resi noti ed utilizzati per un effettivo miglioramento della qualità del lavoro. E, in nome della trasparenza, i risultati dovranno arrivare anche alla cittadinanza, titolare e destinataria del servizio pubblico reso dalla organizzazione di cui si va a rilevare il livello di benessere (o malessere) organizzativo".



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento