L'ordinanza di Ghinelli per Capodanno: "Niente alcol e bevande in lattine o vetro. Stop spray, petardi e fuochi"

Si potrà bere soltanto in contenitori di plastica: le disposizioni per i locali

Come già annunciato, è in arrivo l’ordinanza del sindaco di Arezzo per la tutela dell’incolumità pubblica e la sicurezza urbana in occasione della festa di fine anno organizzata dal Comune e che si terrà in Piazza Sant’Agostino, evento per il quale si attende grande partecipazione, anche grazie alla presenza di un nome di richiamo come Pau dei Negrita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio per garantire che la serata si svolga nella massima serenità nell’area della festa e nelle strade limitrofe - annuncia Ghinelli in una nota - è fatto divieto di introdurre contenitori in vetro e lattine, oltreché bombolette spray con sostanze urticanti. Vietato inoltre, ai gestori o titolari degli esercizi di somministrazioni e commerciali ubicati nei luoghi dove si svolge la festa di fine anno e nelle aree perimetrali di via Garibaldi e via Margaritone, di servire bevande in contenitori di vetro o lattine nelle aree esterne, o di venderle per asporto, divieto esteso anche agli esercizi temporanei di somministrazione e vendita. Sempre in Piazza Sant’Agostino e strade limitrofe è vietata anche l’accensione di fuochi d’artificio o analoghi oggetti pirotecnici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento