Ordinanza alcolici, Ascom lancia l'appello al Comune di Arezzo: "Insieme per il divertimento sicuro"

Una grande campagna a favore del divertimento sano, per sensibilizzare consumatori e opinione pubblica ai pericoli dello “sballo” ed educare tutti, i giovani in particolare, al consumo consapevole e responsabile di alcol. Un progetto che ha già...

Riunione 1 (1)

Una grande campagna a favore del divertimento sano, per sensibilizzare consumatori e opinione pubblica ai pericoli dello “sballo” ed educare tutti, i giovani in particolare, al consumo consapevole e responsabile di alcol. Un progetto che ha già un titolo (“Divertimento amico”) e il pieno sostegno di Comune e Sert – Asl.

È questa la proposta che parte dai pubblici esercizi aretini: i titolari di ristoranti, pizzerie, bar e locali notturni del comune di Arezzo si sono riuniti ieri (21 settembre 2017) in grande numero nella sede della Confcommercio alla presenza della presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini, della vicedirettrice della struttura aretina Catiuscia Fei, dell’assessore alle politiche sociali Lucia Tanti e del direttore del Sert Marco Becattini.

Tema dell’incontro, l’ordinanza dell’amministrazione comunale che disciplina vendita e somministrazione di alcol. A corollario, una discussione più ampia sul contributo fattivo che i pubblici esercizi possono dare alla città nella costruzione di un’accoglienza efficiente, decorosa e di qualità, per evitare il rischio di degrado e desertificazione del centro storico.

“La categoria è pronta a mobilitarsi per migliorare la qualità del divertimento in città, insieme a Comune, Asl, forze dell’ordine e altri soggetti interessati”, sottolinea la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini, “la collaborazione con la Asl inizierà già da ottobre, nei tre giorni del Mercato Internazionale: gli operatori del Sert avranno infatti uno spazio dedicato per parlare di guida sicura, pericoli dell’abuso di alcol e altri temi, sempre in maniera immediata. Ma vogliamo mettere presto in calendario altre iniziative del genere, coinvolgendo il mondo istituzionale, le associazioni, magari anche le scuole. Quella contro lo sballo è sempre stata una battaglia molto sentita dalla nostra associazione di categoria, che vuole puntare all’eccellenza nei servizi offerti”.

A riguardo dell’attuale ordinanza sugli alcolici, “gli imprenditori hanno apprezzato i risultati ottenuti in merito all’ampliamento dell’orario di somministrazione fino alle 2 di notte, anziché all’una come stabilito dalla precedente ordinanza”, spiega la vicedirettrice Catiuscia Fei, “restano però ancora fortemente penalizzate le enoteche e i locali che vendono cibo “take away”, ai quali il divieto di vendere bevande alcoliche da asporto a partire dalle 21 porta via una parte interessante dell’incasso. Senza parlare dei disagi per i consumatori: niente più acquisti last minute di bottiglie di vino per presentarsi a cena dagli amici, né accoppiata “pizza e birra” da consumare in casa davanti alla tv”.

“È emersa quindi la richiesta di avviare subito con l’Amministrazione Comunale un percorso di confronto da cui possano scaturire congrue modifiche al testo attuale. Modifiche che poi la nuova ordinanza, che sarà emanata dopo il 17 ottobre, dovrebbe tenere in considerazione”, prosegue la Fei.

“Il punto fondamentale, però, è che la repressione non serve a stroncare fenomeni come l’abuso di alcol, se non è accompagnata da iniziative propositive più ampie. Ed è in questo che i nostri pubblici esercizi possono intervenire”, ribadisce la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini, “al proposito sarebbe utile preservare il livello qualitativo del loro servizio con una disciplina delle nuove aperture che le vincoli al rispetto di determinati requisiti, magari crescenti a seconda dell’area in cui si vuole aprire il locale. Dobbiamo puntare all’eccellenza: la liberalizzazione negli ultimi anni ha buttato sul mercato troppi imprenditori improvvisati, occorre fare un passo indietro pur nel pieno rispetto della libertà d’impresa. Ne gioverebbero l’immagine della categoria, che non può incrinarsi per il comportamento sbagliato di pochi, e quella complessiva della città anche dal punto di vista turistico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento