menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Misericordia di Castiglion Fiorentino presenta un veicolo per il trasporto di anziani e disabili

35 aziende castiglionesi hanno sostenuto l’iniziativa di carattere sociale per l'acquisto di un Fiat Doblò che arricchisce il parco mezzi della Misericordia

35 aziende castiglionesi hanno sostenuto l’iniziativa di carattere sociale a favore della Confraternita di Misericordia di Castiglion Fiorentino nata in collaborazione con la società SMG, Servizi Mobilità Garantita, e patrocinata dal Comune di Castiglion Fiorentino. Oggi pomeriggio nel piazzale antistante alla sede della onlus è stato presentato il veicolo Fiat Doblò per il trasporto di anziani, disabili o persone in condizioni di disagio fisico e socio economico.

“Ringrazio la cittadinanza castiglionese ed in particolare le 35 aziende che hanno pensato alla Misericordia con questo gesto di beneficenza” - ha commentato la governatrice Paola Salvadori. Per le aziende si tratta di una nuova opportunità per reclamizzare la propria attività con finalità sociali mentre per la Confraternita di Misericordia è l’opportunità di assolvere gli impegni che la comunità castiglionese richiede.

“Era solo lo scorso 24 ottobre quando la Confraternita di Misericordia di Castiglion Fiorentino presentò i due nuovi importanti mezzi di soccorso a disposizione della comunità Castiglionese. A meno di due mesi di distanza, quindi, senza mai finire di ringraziare tutti i benefattori che hanno contribuito, un'ulteriore nuovo mezzo entra a far parte del parco mezzi della Misericordia a disposizione dei più bisognosi. Ho finito davvero le parole per descrivere la generosità dei castiglionesi” - ha concluso il sindaco Mario Agnelli, durante la semplice cerimonia alla presenza del correttore della Confraternita della Misericordia Padre Airò e di alcuni dei confratelli della onlus castiglionese. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento