Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

Nuovi volontari per la Misericordia di Sestino

Riceviamo e pubblichiamo il contributo di Giancarlo Renzi. La Confraternita di Misericordia ha completato un nuovo corso di formazione di I livello per soccorritori del Servizio Ambulanza, che si è svolto a Sestino da ottobre a novembre. Ben 29...

misericordia.mostra.2-P1020829

Riceviamo e pubblichiamo il contributo di Giancarlo Renzi.

La Confraternita di Misericordia ha completato un nuovo corso di formazione di I livello per soccorritori del Servizio Ambulanza, che si è svolto a Sestino da ottobre a novembre. Ben 29 i partecipanti, dei quali 9 provenienti da Badia Tedalda, in una ulteriore manifestazione di collaborazione tra le due Confraternite e le popolazioni, che vengono servite- anche per configurazione geografica- dalle due istituzioni in grande sintonia. La maggior parte dei partecipanti sono stati giovani e studenti e per la prima volta anche giovanissimi ragazzi e ragazze di famiglie immigrate.

Il corso è stato guidato dal presidente Luciano Crescentini e dagli "esperti del soccorso" formatisi in vari corsi promossi dalla Asl, quali Angeli Ivano, Paggetti David e Santinelli Marco.

L'attività della Confraternita è molto varia e va dall'urgenza, ai servizi sociali, ad esempio, agli accompagnamenti per quanti non sono variamente autonomi , e si traduce in una realtà indispensabile per queste popolazioni come riassume il presidente Crescentini:

"A Sestino la popolazione è anziana, anche se il problema non è solo locale, come è noto. Ma stante l'aspetto demografico e la decrescita della presenza giovanile, nei piccoli comuni sono la lontananza e la dispersione della popolazione nel territorio che aumentano il "lavoro" della Confraternita in questo settore specifico e quindi degli operatori che devono garantire una larga disponibilità.. Basti pensare - prosegue Crescentini - che all'inizio di questo compito svolto in convenzione con la AUSL8 della Valtiberina i viaggi erano poco più di una ventina all'anno: ora siamo già a 133 viaggi, effettuati con 4 mezzi nelle località più diverse, da Urbino, ad Ancona, Rimini, Arezzo, Perugia, Firenze".

In questo ultimo corso sono stati affrontati anche primi elementi per un "soccorso pediatrico", servizio quanto mai utile, soprattutto in mancanza di presidi sanitari adeguati.

L'impegno della Confraternita diventa sempre più impegnativo e la realizzazione periodica di corsi serve a mantenere un gruppo di operatori in grado di presidiare il territorio.

Ma - sottolinea ancora il Presidente Crescentini - la presenza della Confraternita è anche un richiamo per "opere di misericordia", nel segno di una antica tradizione già presente a Sestino nel Medioevo, sotto il segno di "Maria Mater Misericordie".

La Confraternita di Sestino, all'inizio della sua istituzione, e per un lungo periodo , ha gestito anche un "Ospitale" per pellegrini, bisognosi, viandanti, di cui c'è menzione fino alle ultime soppressioni napoleoniche. Quest'anno è anche una ricorrenza speciale, perché nel 1517 tale "ospitale" fu dato alle fiamme nel corso delle guerre per il dominio del Ducato di Urbino: sconfitti i Della Rovere, le loro truppe si ritirarono nella terra indipendente del "Piviere di Sestino" e qui fu stilata la pace tra le parti in conflitto.

Una Confraternita a pieno titolo momento esemplare della Chiesa locale, e un cardine per tutti gli aspetti di una comunità ricca di storia e di arte, emblematicamente riassunta nel suo stendardo processionale, considerato tra i più antichi di quelli conosciuti.

Giancarlo Renzi

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi volontari per la Misericordia di Sestino

ArezzoNotizie è in caricamento