menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova sede per il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta di Arezzo

La nuova sede permetterà anche di coordinare repentinamente gli interventi urgenti di protezione civile a cui il gruppo sarà chiamato a operare sia in ambito locale che con la colonna mobile del raggruppamento Cisom della Toscana

Nei giorni scorsi, il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta (Cisom) di Arezzo si è insediato nella nuova sede operativa in via Anfiteatro, 15, presso lo stabile della Croce Bianca. Contando su questa base, quando le attuali norme restrittive la renderanno accessibile, il gruppo potrà rafforzare i servizi in favore dei cittadini, sia in ambito sociale che di Protezione Civile. I circa 30 volontari sono attualmente impegnati su vari fronti di intervento conseguenti al rischio sanitario connesso all’infezione da Coronavirus. Durante il lockdown il gruppo ha operato, insieme ad altre associazioni di volontariato, presso gli scali aeroportuali di Firenze e di Pisa al fine di controllare la temperatura dei passeggeri. In collaborazione con Conad, i volontari si sono resi disponibili a preparare la spesa alimentare da consegnare a domicilio ad anziani e famiglie in difficoltà mentre, due psicologi, hanno operato in turnazione al numero verde organizzato dal Ministero della salute e della Protezione civile rispondendo alle richieste di sostegno psicologico da parte della popolazione e ponendo le basi per affrontare il post-emergenza.

La nuova sede permetterà anche di coordinare repentinamente gli interventi urgenti di protezione civile a cui il gruppo sarà chiamato a operare sia in ambito locale che con la colonna mobile del raggruppamento Cisom della Toscana. In aprile scorso, dopo l’apertura del C.O.C da parte del Comune, i volontari si sono adoperati nella consegna porta a porta dei dispositivi di protezione alla popolazione aretina. Si rendono spesso necessarie azioni organizzative in cooperazione con altre associazioni come la recente sostituzione e montaggio di una tenda pre-triage presso l’ospedale Serristori di Incisa/Figline insieme al Gruppo Cisom di Firenze e Ampas.

Da circa otto mesi proseguono le attività di controllo distanziamento, temperatura e accessi dei fedeli presso il duomo di Arezzo in collaborazione con la curia a cui si è aggiunta, in questi giorni, l’attività di misurazione temperatura e rispetto delle norme governative presso i punti vendita Conad di via Giotto, via G.Monaco, via Mecenate e Ponte a Chiani. Le strumentazioni e gli arredi della sede, sono state reperite e donate dai volontari stessi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento