menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bill Gates, 5G, i 'negassionisti' e il 'cedo la mia dose perché questo vaccino mi puzza'. Commenti aretini e fakenews

Non è un panorama edificante quello che emerge dai commenti sulla pagina Facebook di Arezzo Notizie sui bollettini quotidiani dell'emergenza Covid e sulla campagna vaccinale. Ma ci sono anche gli anticorpi di chi risponde con cognizione e comincia a reagire alle fake news

Si va dal 'basta, sono stufo' ogni volta che quotidianamente esce il bollettivo Covid di Arezzo e della Toscana, come se dietro quei numeri non ci fossero delle persone, delle storie, delle famiglie che soffrono, fino ad arrivare al 5G, a Bill Gates a chi si dichiara scettico per un 'vaccino fatto alla chetichella' anche se non si dichiara 'negassionista'.

Anche la terra di Arezzo non è immune da espressioni tipiche no vax che alla base hanno fake news sulla diffusione della Sars-Cov 2, sull'impegno del sistema sanitario (non possiamo dimenticare chi, non ad Arezzo, cercava di dimostrare che gli ospedali erano semi vuoti nel momento del picco della pandemia) e ovviamente sulla campagna vaccinale appena iniziata.

Sono i commenti sotto gli articoli postati sulla pagina Facebook di Arezzo Notizie a mostrare tutto questo. 

Per fortuna ci sono anche lettori che fungono da anticorpi quando i commenti sfuggono al filtro impostato e alla moderazione. 'Se lei è una categoria a rischio ne parli con il suo medico e non posti i suoi dubbi su Facebook' consiglia un internauta a chi pone tutta una serie di dubbi sul vaccino anti-Covid.

"Andate 'ha' vedere chi è Bill Gates e vi renderete conto sui vaccini' commenta sotto una donna.

Uno scambio davvero interessante si è letto nei commenti all'intervista del direttore generale della Asl Antonio D'Urso.

'Il vaccino non serve a niente, parecchie persone hanno avuto reazioni allergiche gravi perché questo non lo dicono" e risponde l'altra 'si ma infatti col c... che lo faccio, e comunque il vaccino dovrebbe dare l immunità questo è solo una presa per il c...'. E ancora 'ma scherzi, fai bene. Neanche i miei nonni vogliono farlo pensa te'. Poi l'intervento di chi riporta un po' di ragionevolezza: 'Ma queste sono falsità totali, basta di spargere terrorismo' e ancora 'reazioni allergiche gravi, come per gli altri vaccini, sono state 6 su 3 milioni, per favore basta terrorismo.'

'C'è un progetto della Bce fino al 2023 e dopo arriverà il grande reset, ma purtroppo la gente non ci crede" spiega ancora la stessa commentatrice seriale e a chi le chiede a quale progetto si riferisce lei risponde 'io lo conosco perché non guardo la tv, ma su you tube ... ecc ecc'

Non è un panorama edificante quello che emerge, come minimo appare necessario un impegno di tutti nel diffondere corrette informazioni ed essere sempre disposti a rispondere a dubbi legittimi che la popolazione può avere. Dalle massime istituzioni sanitarie, ai singoli medici di famiglia, tutti hanno un compito fondamentale nella diffusione di conoscenze scientifiche che possano portare a maggiore forza nella lotta al Covid, come ad altre sfide che si potranno presentare in futuro. E tutti, ognuno nel suo ruolo e con la propria professionalità, dovranno avere un ruolo attivo e prendersi delle responsabilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento