Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

Nasce la Casa del futuro, inaugurata la biblioteca comunale "Venturino Venturi"

Dopo una lunga attesa la nuova Biblioteca Comunale Venturino Venturi ha aperto le porte alla comunità. Tanti i cittadini che hanno partecipato al taglio del nastro svoltosi nei locali dell'ex anagrafe adiacenti al Comune in Viale Principe di...

IMG_4751

Dopo una lunga attesa la nuova Biblioteca Comunale Venturino Venturi ha aperto le porte alla comunità. Tanti i cittadini che hanno partecipato al taglio del nastro svoltosi nei locali dell'ex anagrafe adiacenti al Comune in Viale Principe di Piemonte. Quello della biblioteca è un progetto che parte da lontano, dai primi interventi nei locali realizzati grazie al contributo dei cittadini volontari, e portato avanti con impegno anche dai tanti ragazzi che nel corso degli ultimi anni hanno svolto il Servizio Civile al Comune di Cavriglia. Proprio ai giovani è dedicata la nuova biblioteca, un luogo che le nuove generazioni dovranno vivere come un'opportunità per uscire dagli spazi virtuali e per essere finalmente protagonisti attivi anche nel loro tempo libero. La Biblioteca Comunale "Venturino Venturi" infatti, sarà un luogo di studio per gli studenti superiori e universitari e uno spazio di aggregazione e socializzazione dove i ragazzi potranno svolgere molteplici attività di tipo culturale, formativo, sociale e ricreativo che i giovani della nostra comunità rivendicavano da tempo. Nell'anno del centesimo anniversario della sua nascita la struttura è stata dedicata a "Venturino Venturi", artista che ha saputo lasciare un segno indelebile anche nel nostro territorio non solo con il Murales di Castelnuovo dei Sabbioni. Riunirà l'intero patrimonio librario del Comune di Cavriglia. Nei mesi scorsi è stata completata l'archiviazione digitale di tutti i volumi al momento presenti nelle varie sedi comunali e negli archivi dei plessi scolastici di Cavriglia e Castelnuovo dei Sabbioni. Ciò consentirà agli utenti di verificare in maniera rapida ed efficace la disponibilità del volume desiderato e la sua eventuale collocazione negli archivi cavrigliesi o nella rete bibliotecaria della Provincia di Arezzo, senza dover ricorrere a lunghe ricerche nelle biblioteche o nelle librerie del fondovalle valdarnese. I libri resteranno suddivisi in varie sedi: alcuni verranno spostati negli scaffali della nuova Biblioteca Comunale, altri resteranno nei plessi scolastici.

"Da troppo tempo mancava una biblioteca - ha affermato il Sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni -, non solo come spazio fisico, ma come luogo dell'anima. All'Amministrazione Comunale spettava il compito del suo insediamento e della sua gestione, alla nostra comunità ora spetta quello più complesso: renderla viva e operativa".

A tal proposito, con l'obiettivo di favorire il coinvolgimento della cittadinanza nel progetto, l'Amministrazione Comunale ha promosso la costituzione di un'associazione "Amici della biblioteca" e, in occasione dell'inaugurazione, ha presentato una serie di eventi culturali che si svolgeranno nei locali appena consegnati alla comunità. All'ingresso della biblioteca, grazie a Antonella Iacopozzi, sono stati disegnati i volti di alcuni personaggi celebri (John Lennon, Nelson mandela e Alda Merini) associati ad un loro frase celebre affinché possa essere un monito per le nuove generazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce la Casa del futuro, inaugurata la biblioteca comunale "Venturino Venturi"

ArezzoNotizie è in caricamento