Il Mumec dentro la Fondazione Italia Giappone: "Diffondiamo la cultura aretina nel mondo"

Si apre adesso un momento di fermento di nuovi progetti ed idee in sinergia fra i due enti. Prima fra tutte l’organizzazione con Camera di Commercio di Arezzo-Siena, nelle figure del Direttore Randellini e del funzionario Provenza, di seminari rivolti alle aziende del territorio

Valentina e Fausto Casi

Il Museo dei Mezzi di Comunicazione (Mumec), realtà museale aretina aperta da 15 anni, è socio della Fondazione Italia Giappone. La comunicazione è stata ufficializzata lo scorso 26 giugno 2020 nel corso dell’assemblea annuale della Fondazione stessa dal presidente, onorevole Umberto Vattani, e del direttore, Umberto Donati, successivamente ai saluti del segretario generale della Farnesina, direttore generale del Ministero degli Esteri, ambasciatori e leader di multinazionali.

La Fondazione Italia Giappone è stata istituita dal Ministero degli Affari Esteri nel 1999 con l'obiettivo di affiancare la sua azione di approfondimento delle relazioni tra Italia e Giappone e di promuovere l'immagine dell'Italia in Giappone e del Giappone in Italia attraverso iniziative in campo culturale, scientifico ed economico. Svolge la sua attività in collaborazione con la Farnesina, l'Ambasciata d'Italia a Tokyo e gli istituti italiani di cultura.

Il Mumec è momentaneamente la sola realtà museale presente fra i soci della Fondazione. La sinergia fra i due enti deriva da un percorso avviato lo scorso anno in occasione della celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci con l’organizzazione da parte del Museo aretino della conferenza-mostra presso il circolo degli Esteri della Farnesina “Leonardo da Vinci in De Divina Proportione” con relazione della direttrice Valentina Casi, e del curatore Scientifico Fausto Casi. Al termine della serata la proposta da parte dell’onorevole Vattani e del direttore Donati dell’ingresso del Mumec in Fondazione e pochi giorni fa l’ufficialità.

Si apre adesso un momento di fermento di nuovi progetti ed idee in sinergia fra i due enti. Prima fra tutte l’organizzazione con Camera di Commercio di Arezzo-Siena, nelle figure del Direttore Randellini e del funzionario Provenza, di seminari rivolti alle aziende del territorio per illustrare i cambiamenti  e le opportunità di instaurare nuovi rapporti commerciali fra Italia e Giappone successivamente all’entrata in vigore dell’Economic Partnership Agreement. Lo svolgimento dell’evento, già progettato per il mese di maggio 2020, è previsto per il periodo autunnale. Certa è invece la data della tre giorni di convegno dell’Italy Japan Business Group che si terrà a Venezia dal 1 al 3 dicembre. Tema principe sarà quello delle smart cities; sarà il Mumec l’aprifila degli interventi con la conferenza attinente alla storia della telecomunicazione, oggi scontata quanto indispensabile.

Con questa nuova collaborazione il Mumecdi Arezzo, con la Fondazione Italia Giappone del Ministero degli Esteri, si fa così portavoce di una grande fetta di cultura italiana ma soprattutto aretina, in sinergia con grandi realtà internazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento