Monte San Savino, le agevolazioni fiscali a seguito del coronavirus

Tari, Tosap, atti di accertamento e di sollecito. Ecco cosa cambia per i residenti del comune savinese

Margherita Scarpellini, sindaco di Monte San Savino

In questi giorni sono in consegna gli avvisi di acconto Tari relativi all’anno 2019, con scadenza 31 maggio a Monte San Savino.

"L'amministrazione comunale - spiega una nota - precisando che si tratta di un atto dovuto, tiene però a comunicare che vista la situazione di emergenza legata al Covid-19 ogni pagamento in ritardo da parte degli utenti rispetto alle scadenze del 31 maggio e 31 luglio 2020 non sarà soggetto né all'applicazione di sanzioni, né di interessi.

Con la terza e ultima rata, il saldo 2020 con scadenza al 16 dicembre 2020, verrà versato il rimanente dovuto che sarà calcolato in base alle tariffe Tari approvate per l’annualità 2020, per le quali si prevedono importanti novità".

“Consapevoli che sono tante le difficoltà cui far fronte, prima fra tutte quella economica” dichiara il sindaco Margherita Scarpellini “abbiamo deciso di intervenire per introdurre particolari agevolazioni agli utenti, che tengano conto della situazione di criticità diffusa causata dalla emergenza sanitaria che ha comportato anche una riduzione del volume di rifiuti prodotti. La tassa dei rifiuti sarà quindi ridotta e i benefici si vedranno con la rata di saldo 2020”

Sempre nell'interesse di contenere al massimo l'impatto sociale ed economico dell'emergenza Covid-19 l'Ufficio tributi ha sospeso le notifiche degli atti di accertamento e sollecito per quanto riguarda i contributi locali. 

Conformemente con quanto stabilito dal Decreto Rilancio, inoltre, è stato introdotto l'esonero dalla Tosap (suolo pubblico) per bar e ristoranti e a questo proposito l'amministrazione comunale sta valutando di ampliare la concessione di spazi, sempre nell'interesse di sostenere le attività economiche del territorio

L'impegno dell'Amministrazione è massimo e sono in definizione ulteriori interventi, in campo sociale ed economico, per sostenere la popolazione e il tessuto produttivo. Saranno realizzati utilizzando fondi comunali. “Si tratta di una scelta molto impegnativa per il Comune, ma a nostro modo di vedere necessaria” spiega il Sindaco “sostegni forti all'economia e alla popolazione sono cruciali per favorire una ripartenza e affrontare questa nuova fase che senza dubbio sarà molto difficile per tutti”​.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento