Monsigliolo, Consorzio di Bonifica: "Nessuna interferenza tra la vegetazione e il deflusso delle acque"

«Il Consorzio ha concluso nel mese di dicembre l’intervento relativo al progetto del primo stralcio dei lavori di manutenzione ordinaria (sfalcio e taglio delle piante ed arbusti) nel tratto a monte e a valle del depuratore di Monsigliolo lungo la...

paolo_tamburini

«Il Consorzio ha concluso nel mese di dicembre l’intervento relativo al progetto del primo stralcio dei lavori di manutenzione ordinaria (sfalcio e taglio delle piante ed arbusti) nel tratto a monte e a valle del depuratore di Monsigliolo lungo la Reglia dei Rancoli. Basta guardare le stesse foto pubblicate da Arpat. Non c'è quindi interferenza della vegetazione sul regolare deflusso delle acque». è quanto tiene a precisare il presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno, Paolo Tamburini in merito alle acque che escono dal depuratore. È bene ribadire, precisa il presidente Tamburini, che «il ristagno delle acque non è quindi certo ascrivibile a una ipotetica “presenza di vegetazione che rallenterebbe e parzialmente inverte il fluire delle acque”, ma alla mancata pendenza del fosso in oggetto, così come verificabile dalle quote effettuate con i rilievi in campo. Infatti la pendenza media del corso d’acqua si attesta nello 0,6 per mille».

L'analisi dei fanghi: presenza di idrocarburi e metalli pesanti. Tra l'altro il Consorzio aveva fatto fare delle proprie analisi necessarie per la catalogazione del materiale ferroso. «I cittadini devono sapere che dalle analisi fatte svolgere dal Consorzio per qualificare il materiale fangoso per il progetto di ripulitura della Reglia, si evidenzia la presenza di idrocarburi e metalli pesanti tali che li qualificano nella tabella B del D.lgs 152/2006 quali rifiuti. Questo comporta il trasporto di tali “materiali” presso appositi siti con un notevole aggravio di costi di smaltimento». Il lavoro terminato a dicembre non è tuttavia l'unico previsto. «Per la ricavatura e riprofilatura di questa Reglia il Consorzio ha già predisposto il secondo stralcio del progetto “manutenzione e riprofilatura della Reglia dei Rancoli” per il quale è in corso la ricerca della relativa copertura finanziaria. Si tratta di un lavoro da 80mila euro che interessa circa 2 chilometri di tratto e che tale somma non può essere imputata nei compiti di mera manutenzione ordinaria, che costituisce attività propria del Consorzio di Bonifica, in quanto si tratta di manutenzione straordinaria la cui copertura finanziaria esula dalle possibilità dirette del nostro ente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutelare la qualità delle acque. Per quanto riguarda la qualità dell'acqua, a Tamburini «viene però da chiedersi come sia stato possibile lo sversamento di tali e tanti inquinanti in un corso d’acqua che sostanzialmente attraversa i campi. Il nostro Consorzio, in uno spirito di collaborazione fattiva fra enti e nell’interesse generale dei cittadini, ha comunque predisposto un progetto definitivo indispensabile a porre in essere tutte le soluzioni atte a rispondere alle problematiche evidenziate». Si tratta di un progetto che «ha bisogno di ingenti risorse economiche, il cui reperimento non può assolutamente essere ascrivibile alla normale attività di Bonifica del Consorzio», precisa ancora il presidente. Infine, Tamburini sottolinea come «nella leale e corretta collaborazione fra gli enti e le istituzioni, che ha sempre contraddistinto l’attività del nostro ente, il Consorzio, vista la potenziale gravità della situazione emersa, ha messo a disposizione dei competenti organi di tutela e polizia ambientale i dati dei rilievi analitici effettuati in modo che possano essere fatte le verifiche e tutto quanto necessario per la salvaguardia della salute dei cittadini». Questo, conclude Tamburini, per «riportare il problema emerso nell’indispensabile e proficua correttezza dei rapporti fra enti, funzionale, nel rispetto dei propri compiti e prerogative, a dare risposte immediate ai cittadini utenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • 7 castelli e ville storiche della provincia di Arezzo che domenica aprono le proprie porte (gratis)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento