Fenomeno più unico che raro: sciolto il mistero della "neve pietrificata" sul fossato

La curiosa formazione imbianca le briglie del cosiddetto "Fosso del Palazzo"

Cos'è la formazione che imbianca le briglie del Fosso del Palazzo nel comune di Laterina-Pergine Valdarno? L'arcano è stato svelato. 

Fate, gnomi e incantesimi però non c’entrano: non è neve pietrificata come fantasiosamente qualcuno aveva azzardato.

A spiegare la natura del curioso cappello bianco, che orna la sommità dei tre blocchi di pietra squadrati, su cui in molti si sono arrovellati, è stato l’ingegner Marco Benini: che ha chiarito l’origine delle formazioni di consistenza rocciosa e dalla forma parabolica.

Un fenomeno che lui stesso definisce più unico che raro.

A disegnare la straordinario copricapo sulle tre briglie poste in località Santa Maria in Valle sarebbe infatti la CO2. Ed ecco la spiegazione scientifica:

Ho notato che il Fosso del Palazzo riceve, a monte delle briglie, la confluenza del suo tributario Fosso dell’Acqua Bogliola, intorno a cui, fin dal 1950, l’azienda situata tra la ferrovia e la grande curva della Strada regionale 69, estrae dal sottosuolo l’anidride carbonica per usi industriali. Il giacimento naturale evidentemente rilascia anidride carbonica proprio in corrispondenza del Fosso che non a caso è stato ribattezzato dell’Acqua Bogliola. Il nome infatti potrebbe derivare sia dall’aggettivo toscano “bogliolo”, sinonimo di guasto, marcio, puzzolente con cui di solito si indica l’odore delle uova poco fresche, sia dal verbo toscano “boglire,” variante di bollire. E infatti le pozze del fosso gorgogliano e hanno uno strano odore”, spiega l’ingegner Benini. Il meccanismo chimico apparentemente complesso, in realtà è quanto mai semplice. Quando un’acqua ricca di anidride carbonica attraversa del terreno calcareo, il calcare si scioglie e origina bicarbonato acido di calcio. Quando il bicarbonato di calcio, trasportato dall’acqua che scorre, trova una minore concentrazione di CO2 , avviene la reazione inversa e, in presenza di gocciolamento e stillicidio tipici delle portate di magra, forma piccoli grumi di calcite. E’ la stessa reazione che porta alla formazione delle stalattiti e delle stalagmiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’inusuale fenomeno delle briglie imbiancate non smette di affascinare ed è stato approfondito grazie ad un professionaista incaricato dal Consorzio di Bonifica dopo che era stato effettuato un sopralluogo per programmare la manutenzione delle briglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento