rotate-mobile
Attualità

Mensa scolastica, a Terranuova arriva la busta anti spreco alimentare

È una busta di plastica trasparente con su scritto “questa la mangio dopo” ed è un nuovo strumento contro lo spreco alimentare nella mensa scolastica comunale di Terranuova Bracciolini. In materiale plastico idoneo per venire a contatto...





È una busta di plastica trasparente con su scritto ?questa la mangio dopo? ed è un nuovo strumento contro lo spreco alimentare nella mensa scolastica comunale di Terranuova Bracciolini. In materiale plastico idoneo per venire a contatto con gli alimenti, la busta sarà distribuita all?inizio di febbraio a tutti gli alunni delle scuola primaria e secondaria di primo grado.

L?obiettivo è quello di recuperare la frutta che quotidianamente viene distribuita a mensa nel caso in cui gli alunni non la consumino sul momento.

?Siamo i primi in provincia di Arezzo ad attivare un?azione di questo tipo ? ha detto il sindaco, Sergio Chienni ? perché siamo convinti che solo attraverso iniziative mirate si possano sensibilizzare i ra- gazzi e gli adolescenti sull?importanza e sull?urgenza di cambiare i comportamenti individuali e collet- tivi per ridurre lo spreco di cibo. Come amministrazione comunale di Terranuova Bracciolini, insieme alla società che gestisce la mensa scolastica e grazie al prezioso contributo della dietista Sandra Bonannini ? ha aggiunto il Sindaco Chienni ? investiamo sulla qualità del servizio di ristorazione e lo facciamo scegliendo prodotti, biologici e di liera corta?.

In più, dal precedente anno scolastico è diventata costante la fornitura di pesce fresco, in particolare di pesce azzurro proveniente dal mare dell?Alto Tirreno e Mar Ligure.

?Per migliorare le nostre azioni contro lo spreco alimentare ? ha affermato il primo cittadino ? il no- stro servizio mensa prevede un costante miglioramento del menù per renderlo più adatto al gusto dei bambini; l?osservanza delle nuove linee di indirizzo per la ristorazione collettiva 2016; corsi di forma- zione al personale addetto alla distribuzione del vitto all?interno del refettorio scolastico e il coinvolgi- mento degli insegnanti e dei genitori per sensibilizzare i bambini verso una corretta alimentazione?. ?Sicuramente ? ha concluso Chienni ? l?insieme di queste azioni ha ridimensionato negli anni l?im- patto ambientale e limitato lo sperpero di cibo, ma vorremmo che nulla vada sprecato, per questo abbiamo deciso di introdurre anche la busta anti spreco alimentare?.

?L?iniziativa della ?busta salva merenda? ? ha detto la dietista Sandra Bonannini - va ad integrare un progetto molto più ampio iniziato in questo anno scolastico, dal nome ?Operazione piatto pulito?, che si pone l?obiettivo di sensibilizzare i bambini di fronte allo spreco alimentare e li educa ad un compor- tamento più rispettoso verso il cibo. Il progetto consiste in brevi interventi in classe durante i quali si richiama l?attenzione su ciò che inutilmente viene gettato e quali sono i possibili atteggiamenti che possono aiutarci a ridurre gli scarti. I bambini vengono incoraggiati ad assaggiare una nuova pie- tanza prima di ri utarla aprioristicamente, insegnando loro che devono avere un atteggiamento di curiosità ed interesse per i nuovi sapori. Inoltre ? conclude la dietista - in questi incontri viene spiega- to il ciclo delle pietanze sottolineando che tutto ciò che è ri utato vien buttato, contribuendo cosi ad incentivare lo spreco alimentare?.



© Riproduzione riservata

Claudia Failli 24 gennaio 2017 12:18

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mensa scolastica, a Terranuova arriva la busta anti spreco alimentare

ArezzoNotizie è in caricamento