Mascherine obbligatorie fuori dall'abitazione. L'annuncio di Rossi: "Ne distribuiremo subito 10 milioni"

A preoccupare il governatore sono i troppi comportamenti sbagliati che vedono ancora "uscite senza reali motivazioni e troppi assembramenti"

10 milioni di mascherine in arrivo per la Toscana. E' il governatore della Regione, Enrico Rossi, ad annunciare l'iniziativa che mira, non soltanto a garantire una più efficace azione di prevenzione dal contagio Covid-19 ma, anche, a "colpire l’odiosa speculazione che in certi casi sulle mascherine si è registrata anche in Toscana".
Attraverso i social Rossi annuncia che quanto prima, siglerà un'ordinanza dove ne verrà reso obbligatorio l'utilizzo all'esterno delle abitazioni. 

"Abbiamo deciso di distribuire tramite i comuni 10 milioni di mascherine gratuitamente ai cittadini della Toscana - spiega Rossi - Si tratta quasi di tre mascherine a testa. Vogliamo dare continuità a questa iniziativa di prevenzione primaria, in linea con le indicazioni dell’’Organizzazione Mondiale della Sanità. Le mascherine verrano date ai Comuni e chiederemo loro che siano consegnate quanto più possibile casa per casa, anche avvalendosi dei volontari che sono straordinari, sempre e in questo periodo ancora di più".

Una misura di prevenzione già adottata in altri territori del Paese e che arriva dopo le numerose sollecitazioni di cittadini e istituzioni che hanno chiesto "con forza che facessi anche l’ordinanza per rendere obbligatorio l’uso della mascherina". Ma non è tutto. A preoccupare Rossi sono anche i troppi comportamenti sbagliati che vedono ancora troppe "uscite senza reali motivazioni e assembramenti".

"Per questo oggi stesso voglio fare un’ordinanza che renda obbligatorio l’uso della mascherina all’esterno delle abitazioni - prosegue - La mia intenzione è che l’ordinanza diventi esecutiva comune per comune a partire dalla data nella quale il comune stesso ci comunicherà di avere effettuato la consegna a domicilio".

Schermata 2020-04-05 alle 14.24.59-2
Nella notte appena trascorsa è arrivato all’aeroporto di Pisa, il primo contingente di mascherine proveniente dalla Cina e stoccato a Calenzano nei magazzini della Protezione civile della Città Metropolitana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le mascherine protettive – ha detto il presidente – verranno distribuite alle Protezioni civili provinciali e da queste ai Comuni. Mi sono sentito con Matteo Biffoni, presidente dell’Anci, l’accordo è che siano i sindaci sul territorio a distribuirle casa per casa e a comunicarmi poi l’avvenuta distribuzione. A questo punto scatterà l’obbligo di indossarle in tutte quelle circostanze, pubbliche e private, in cui la distanza sociale non è sufficiente alla protezione primaria delle persone: l’obbligo sarà contenuto nella nuova ordinanza che firmerò nelle prossime ore. Vogliamo che si evitino fenomeni speculativi perché la mascherina è un bene primario, uno strumento di protezione. Ci siamo impegnati molto fin dall’inizio a produrne anche in Toscana e ne abbiamo ordinate altri 20 milioni in Cina, perché pensiamo che si tratti di un’iniziativa di protezione primaria che rivolgiamo a tutti i cittadini e a tutte le famiglie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Esami di guida, ipotesi rivoluzione: candidato solo in auto senza esaminatore né istruttore. Protestano le autoscuole

  • "Non ci credo, il giorno più brutto della mia vita. Addio Tom"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento