"Mascherine e guanti vengano smaltiti correttamente", l'appello di Amministratori per l'ambiente

Una recente stima del politecnico di Torino rileva che serviranno circa un miliardo di mascherine e mezzo miliardo di guanti ogni 30 giorni

Azioni mirate contro la dispersione di mascherine e dispositivi di protezione individuale nell'ambiente. E' questa la proposta lanciata dalla rete “Amministratori per l’ambiente” (Apa) che approderà, nei prossimi giorni, in vair consigli comunali del territorio. L'obiettivo è quello di sensibilizzare le istituzioni e i cittadini al corretto smaltimento dei dispositivi di protezione individuale.

“Abbiamo notato e ci è stato segnalato - dichiara Alessandro Baldi di Apa – che è frequente, in particolare in alcuni luoghi, l’abbandono di mascherine e guanti. Questo non solo rischia di creare un forte danno ambientale, ma rappresenta un problema di igiene e sicurezza sanitaria”.

In base alle stime dell’Organizzazione mondiale della sanità, l'emergenza sanitaria Covid-19, potrebbe prolungarsi nei mesi a venire. Una recente stima del politecnico di Torino rileva che serviranno circa un miliardo di mascherine e mezzo miliardo di guanti ogni 30 giorni. Se ogni mese solo l’1% delle mascherine venisse smaltito non correttamente, questo si tradurrebbe in 10 milioni di presidi dispersi nell’ambiente per un valore complessivo di 40mila chili di plastica fuori dai tradizionali circuiti di smaltimento. 

"Richiediamo - fanno sapere gli amministratori aretini promotori dell'iniziaitiva - di avviare una campagna di sensibilizzazione contro la dispersione dei dispositivi di protezione individuale, finalizzata ad un corretto smaltimento degli stessi, e di dotare i comuni di raccoglitori dedicati, da posizionare nelle zone maggiormente soggette all’abbandono di guanti e mascherine. Nella mozione si chiede inoltre che il documento venga trasmesso alle autorità competenti in materia, ai soggetti deputati alla gestione dell’attività di raccolta rifiuti urbani, alle Regioni, al ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare".

“Speriamo che i consigli comunali coinvolti dalla rete - dichiara Monica Tocchi di Apa - approvino la nostra richiesta e che anche altre amministrazioni aderiscano all’iniziativa”.

Tra gli amministratori promotori della richiesta ci sono Monica Tocchi (Castiglion Fibocchi), Alessandro Baldi (Loro Ciuffenna), Niccolò Innocenti (Castelfranco Piandiscò), Lara Chiarini (Anghiari), Andrea Giovannuzzi (Ortignano Raggiolo), Rosanna Sciumbata (Prato), Edoardo Ciprianetti (Bagno a Ripoli), Jessica Sicari (Pistoia), Gianmarco Biagioni, Elena Nannetti (Cantagallo), Belinda Guazzini (Carmignano), Niccolò Masolini (Vernio) e Andrea Cappellini (Gragnano Trebbiense).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento