Manutenzione ordinaria delle aree verdi. Il piano per la fase 3 di San Giovanni

"Abbiamo posto attenzione all’appalto del servizio e, considerata l’impossibilità di procedere in continuità con il precedente appalto, abbiamo per questo deciso di procedere ad un affidamento ponte fino all’autunno"

Si è tenuto ieri, 30 giugno, il consiglio comunale di San Giovanni Valdarno. E' stato proprio durante la seduta che l'amministrazione ha risposto all’interrogazione del gruppo Liste civiche sulle modalità dell'affidamento del progetto di manutenzione ordinaria delle aree verdi comunali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’amministrazione comunale di San Giovanni pone da sempre, ma soprattutto in questo particolare momento storico, grande attenzione nella gestione del verde pubblico - ha dichiarato l’assessore Francesco Pellegrini - nei prossimi mesi i protocolli di distanziamento sociale imporranno una maggiore presenza all’aperto, per questo sarà doveroso avere spazi pubblici curati e ben tenuti. Con queste premesse abbiamo posto attenzione all’appalto del servizio e, considerata l’impossibilità di procedere in continuità con il precedente appalto, abbiamo per questo deciso di procedere ad un affidamento ponte fino all’autunno per poi andare avanti con il nuovo affidamento in un periodo dell’anno in cui l’attività del servizio è meno intensa al fine di evitare disservizi. Mi preme sottolineare che nel testo del documento si fa erroneamente riferimento all’art.63, non applicabile alla procedura in esame, in quanto affidamento sotto soglia ai sensi dell’art. 36 sulla base delle soglie di cui all’art. 35 comma c.) che nel caso dei servizi è pari ad € 214.000,00. In sintesi la normativa consente il ricorso alla procedura negoziata in via ordinaria, senza necessità di specifica motivazione, facendo quindi decadere sia le premesse che le richieste della citata interrogazione poiché non c’è nessuna motivata urgenza ma si tratta semplicemente dell’applicazione delle procedure ordinarie previste dal codice appalti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

  • Covid, Asl: "Si semplifica la complicata vita del positivo e del contatto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento