Attualità

“L’obbligo vaccinale è legge dello Stato. Questione manifesti sottoposta alla Pm”

E' stata l'assessore alla sanità, Lucia Tanti, a prendere la parola per fare il punto circa "il polverone mediatico" scaturito in seguito all'affissione di alcuni manifestati del Comilva, (Comitato libertà di scelta vaccinale) lungo le strade...

lucia-tanti-3

E' stata l'assessore alla sanità, Lucia Tanti, a prendere la parola per fare il punto circa "il polverone mediatico" scaturito in seguito all'affissione di alcuni manifestati del Comilva, (Comitato libertà di scelta vaccinale) lungo le strade della città.

A sollecitare l'intervento dell'amministrazione comunale è stato il consigliere Angelo Rossi insieme alla collega Mery Cornacchini.

A poche ore di distanza dall'appello, ecco la presa di posizione dell'assessore che sottolinea come:

"I manifesti affissi ad Arezzo, così come in altre città, contraddicono una norma dello Stato: in Italia esiste per legge un obbligo vaccinale che, se non rispettato, prevede delle sanzioni. Questo è un dato incontrovertibile. Pertanto, in seguito alla segnalazione dei consiglieri Angelo Rossi e Meri Stella Cornacchini, ho sottoposto la vicenda alla Polizia Municipale la quale si è già rapportata con l'autorità giudiziaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’obbligo vaccinale è legge dello Stato. Questione manifesti sottoposta alla Pm”

ArezzoNotizie è in caricamento