menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce ad Arezzo il nuovo liceo classico Petrarca con indirizzo archeologico

Il progetto non si limita alla programmazione di esperienze di stage episodiche, ma è strutturato nell’intero curriculo, prevedendo l’inserimento di un’ora di “Archeologia e Storia dell’Arte” sino dal biennio, tre ore nel triennio e una diversa declinazione delle Materie in chiave interdisciplinare. Il percorso tende a coniugare tradizione e innovazione

Il percorso tradizionale del Liceo Classico, che vede come discipline fondanti quelle di area umanistica, è arricchito oggi da una nuova proposta formativa, che si inserisce in un territorio, come quello aretino, caratterizzato da un ingente patrimonio storico e archeologico. Una dovizia di testimonianze artistiche e documentarie, che di fatto costituiscono l’anfiteatro naturale per un percorso didattico mirato alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio artistico. 

Il progetto non si limita alla programmazione di esperienze di stage episodiche, ma è strutturato nell’intero curriculo, prevedendo l’inserimento di un’ora di “Archeologia e Storia dell’Arte” sino dal biennio, tre ore nel triennio e una diversa declinazione delle Materie in chiave interdisciplinare. Il percorso tende a coniugare tradizione e innovazione, trovando il fondamento nello studio delle lingue classiche e delle fonti storiche, ma ampliandosi nell’esplorazione delle aree archeologiche, delle realtà museali, dei laboratori attivi nel settore della diagnostica, dell’informatica e della tecnologia, con uno sguardo al mondo dell’associazionismo impegnato da decenni nella promozione del territorio.

"La scuola, consapevole della necessità di aprirsi al contesto territoriale - si legge in una nota del liceo -, in un’ottica di continuo interscambio, ha creato una rete con le istituzioni e le realtà emergenti che operano nel settore in Arezzo e Provincia. Il progetto prevede infatti la collaborazione e il contributo culturale di prestigiose istituzioni: la Soprintendenza ABAP di Siena Grosseto e Arezzo, il Museo Archeologico Nazionale “Gaio Clio Mecenate”, il MAEC e l’Accademia Etrusca di Cortona, l’Associazione Castelsecco di Arezzo, il Museo Archeologico del Casentino Piero Albertoni, il G.A.C. e il Centro Studi sul Quaternario di Sansepolcro". 

Per quanto riguarda la declinazione delle tematiche che riguardano l’Archeologia, il programma prevede in sintesi il seguente sviluppo:
I° anno – L’Archeologia come Disciplina: storia, metodi, strumenti e aspetti normativi. Quando nasce l’archeologia classica? La differenza fra Antiquaria e Archeologia classica. Definizione di Archeologia classica. Definizione di scavo stratigrafico. Tecniche di  scavo. I materiali e gli strumenti. Il diario di bordo Le aree archeologiche del Medio Oriente tra storia e attualità.
Le civiltà dell’Egeo: Creta e Micene. Schliemann e l’Iliade. La scoperta di Troia e Micene. La differenza tra mondo Cretese e Miceneo.
 Archeologia e Storia dell’Arte Greca. Lo studio delle fonti per l’arte classica Erodoto: brani antologici dei primi libri di Le Storie. Pausania: Viaggio in Grecia.

II° Anno – Le prime civiltà italiche. Arte etrusca e romana. Lo studio delle fonti per l’arte romana: Plinio il Vecchio, Storia Naturale; Vitruvio, De Architectura; Le Metamorfosi di Ovidio.I Romani e l’arte attraverso le fonti di Cicerone, Seneca, Prudenzio e Sant’Agostino.
Approfondimento: testimonianze etrusco-romane nel territorio aretino.

III° Anno – Archeologia Medievale
                    Il culto dell’Antico nel Rinascimento.
Approfondimento: Arte medievale nel territorio aretino

IV° Anno – Le scoperte archeologiche nel XVIII e XIX secolo tra divulgazione e collezionismo. L'archeologia classica dopo Winckelmann: scavi e nuove scoperte
 L’Archeologia come Disciplina.

V° Anno – Archeologia industriale: problemi di conservazione e recupero. Archeologia industriale nel territorio aretino: Il Lanificio Ricci a Stia; l’ex cementificio Sacci-Corsalone di Arezzo; la Torre del Tannino a Bibbiena; Cappellifici e Pelifici di Montevarchi; la Miniera di Santa Barbara e MINE Museo delle Miniere e del Territorio a Cavriglia; la Buitoni di Sansepolcro; Il silo di Pescaiola ad Arezzo; la Fonderia Bastanzetti trasformata in Casa dell'Energia ad Arezzo;il Museo Burri e il recupero dell’ex essiccatoio tabacchi a Città di Castello

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento