Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'Arezzo liberata. Storie, stragi e lacrime di una terra intera, così il ricordo di quel 16 luglio 1944

Nei giorni immediatamente precedenti Arezzo visse dei momenti di ferocia ed orrore senza pari. La strage di San Polo, la notte di San Severo, i rastrellamenti di Staggiano, il disastro di Civitella

 

"Arezzo è stata liberata dai partigiani della XXIII brigata garibaldina Pio Borri".

La voce di Radio Londra corse rapida passando da un altoparlante all'altro. Di casa in casa.
La città sventrata da anni di guerra e feroci bombardamenti, piegata dallo stazio di sanguinosi rastrellamenti, rialzò la testa spezzando le catene della dominazione nazi fascista. Dalla torre del palazzo comunale il tricolore senza lo stemma Sabaudo sventolava fiero e bellissimo e per le vie del centro sfilavano i carriarmati degli Alleati. Un giorno di festa. Un giorno di rinascita.

Erano le 20,30 quando dalla radio, quel 16 luglio 1944, venne dato l'annuncio rompendo il silenzio di una sera di mezza estate come tante altre.

Le cose iniziarono a cambiare, per Arezzo quando un carro armato fece ingresso in Corso Italia e attraversò tutta la città. In pochi giorni Arezzo tornò a essere popolata e in meno di un anno le ferite della devastante guerra furono, almeno apparentemente, rimarginate. La normalità tornava a fare il suo ingresso in una provincia che aveva pagato con più di 3.000 vittime quel devastante conflitto.

"Sangue, grida e morte ovunque". La storia di Luciano scampato all'eccidio di Civitella a 9 anni

Laterina, Renicci, Oliveto e Poppi: i campi di detenzione

La storia di Silvestro e degli altri 15 massacrati nella notte di San Severo

La tragedia di San Polo. La storia di Eugenio che "rispose pronto al grido della Patria"

Nei giorni immediatamente precedenti Arezzo visse dei momenti di ferocia ed orrore senza pari. La strage di San Polo, la notte di San Severo, i rastrellamenti di Staggiano, il disastro di Civitella. Decine e decine di uomini, donne e bambini uccisi, torturati e brutalizzati dalla spietatezza di quei tempi. Fatta eccezione per Pergine Valdarno, non c'è comune della provincia che, ancora oggi, non pianga e commemori il sacrificio di martiri morti per la libertà.

"Alle ore 3,30 del 16 luglio 1944 il gruppo che prima aveva dato vita al Comitato Provinciale di Concentrazione Antifascista ed ora, accresciuto notevolmente, si era trasformato in I° Battaglione della XXIII^ Brigata Pio Borri - fanno sapere dall'Anpi Arezzo - dopo mesi di guerriglia, lutti e rischi, dette finalmente avvio alla liberazione della città. Con la morte ancora nel cuore per le 75 vittime innocenti delle stragi di San Polo, Pietramala, Molin dei Falchi e San Severo, gli uomini al comando di Aldo Donnini, già nascosti dal primo del mese in Palazzo Albergotti, recuperano le armi introdotte in città da due coraggiose ragazze slave e dettero inizio ai combattimenti del centro. Ben presto si unirono all’attacco i patrioti al comando di Siro Rossetti, discesi nelle periferie dalle montagne, mentre l’artiglieria inglese batteva Olmo, Lignano e Sargiano. Alle ore 7, Donnini, Ettore Brocchi ed Alfredo Pieri issavano il tricolore sul palazzo comunale: fu il buongiorno ad una città libera, dove immediatamente si iniziarono a fare i primi bilanci: le vittime dei mesi dell’occupazione erano oltre 270. Il lutto non cedette però il passo alla disperazione: c’era infatti una città da costruire, un Italia nuova a cui dare le basi".

Ida Balò: "Non sarei qui se don Alcide non mi avesse insegnato il perdono"

Quando il vescovo Mignone si spese per un ebreo in pericolo nell’Italia occupata dai nazisti

La Liberazione di Terra di Arezzo

Lucignano 2 luglio 1944

Cortona 3 luglio 1944

Foiano della Chiana 4 luglio 1944

Marciano della Chiana 4 luglio 1944

Monte San Savino 4 luglio 1944

Castiglion Fiorentino 12 luglio 1944

Civitella in Val di Chiana 15 luglio 1944

Arezzo 16 luglio 1944

Bucine 17 luglio 1944

Pergine Valdarno 17/18 luglio 1944

Laterina 18 luglio 1944

Montevarchi 19 luglio 1944

Terranuova Bracciolini 22 luglio 1944

Cavriglia 24 luglio 1944

San Giovanni Valdarno 24 luglio 1944

Monterchi 26 luglio 1944

Chiusi della Verna agosto 1944

Castelfranco di Sopra 2 agosto 1944

Pian di Scò 4 agosto 1944

Capolona 5 agosto 1944

Castiglion Fibocchi 7 agosto 1944

Subbiano 8 agosto 1944

Loro Ciuffenna 15 agosto 1944

Anghiari 16 agosto 1944

Talla 20 agosto 1944

Castel Focognano 20/25 agosto 1944

Chitignano 22 agosto 1944

Pieve Santo Stefano 23 agosto 1944

Caprese Michelangelo 24 agosto 1944

Bibbiena 28 agosto 1944

Badia Tedalda settembre 1944

Montemignaio settembre 1944

Ortignano Raggiolo settembre 1944

Poppi 2 settembre 1944

Castel San Niccolr 3/8 settembre 1944

Sansepolcro 4/8 settembre 1944

Pratovecchio 24 settembre 1944

Stia 24 settembre 1944

Sestino 1 ottobre 1944

Potrebbe Interessarti

  • Vita da lupi: cuccioli a spasso e adulti a caccia. Le immagini rubate nel Parco

  • Il Passo dei Mandrioli diventa quello Del Ringo. L'anonimo omaggio al biker subbianese

  • Marito e moglie si perdono sul cammino di San Francesco e chiamano i carabinieri. Recuperati in elicottero dai vigili del fuoco

  • Pienone al Prato per i fuochi di San Donato. Comanducci: "Arezzo meritava un grande spettacolo"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento