Lfi: "Il nostro impegno su rimborsi e indennizzi"

"L’azienda - spiega una nota - ha deciso di assumersi impegni andando anche oltre a quanto è stabilito dalle apposite norme in materia, dettate dall’Unione Europea"

Maurizio Seri, presidente Lfi

Lfi adotta una serie di misure migliorative rispetto alle normative previste in materia di salvaguardia dei diritti dei passeggeri dettate dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti (Art).

"L’azienda ha deciso di assumersi impegni andando anche oltre a quanto è stabilito dalle apposite norme in materia, dettate dall’Unione Europea". Per consultare integralmente l’elenco degli impegni si può accedere al sito web di riferimento.

“Gli impegni che ci siamo assunti a favore della nostra utenza – spiega il presidente del Gruppo Lfi Spa, Maurizio Seri - riguardano una serie di misure di indennizzo e rimborso che si applicano in caso di ritardi o soppressione dei nostri servizi ferroviari sulle linee di nostra competenza. Abbiamo già dato ampia comunicazione di tutte le casistiche di rimborso e indennizzo previste tramite l’aggiornamento della nostra Carta dei Servizi, scaricabile in formato pdf nella sezione dedicata del nostro sito web. Adesso informiamo la nostra clientela anche tramite la stampa in modo tale da garantire una diffusione più capillare possibile dei nostri impegni”.

“Desidero soffermarmi, in particolare – prosegue Seri – sulle misure che abbiamo studiato a favore dei passeggeri con disabilità o mobilità ridotta e che abbiano già acquistato un titolo di viaggio. Nel caso di temporanea non funzionalità di attrezzature dedicate all’accesso al servizio ferroviario (quali ascensori o sollevatori), abbiamo previsto il riconoscimento del diritto di rimborso del biglietto a cui si aggiunge anche un indennizzo, secondo una serie di parametri meglio descritti nelle note informative dedicate”.

“Infine – prosegue Seri – tra gli impegni che ci siamo assunti come Tft rientra anche la partecipazione al tavolo di confronto permanente costituito presso l’associazione datoriale Asstra con l’obiettivo di individuare azioni comuni, tese al miglioramento dell’accessibilità ai servizi da perseguire anche attraverso un processo di standardizzazione a livello nazionale. Il tavolo prevede impegni periodici ed il coinvolgimento delle associazioni maggiormente rappresentative per la disabilità. Parteciperanno al tavolo anche i gestori di infrastrutture ferroviarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento