Domenica, 13 Giugno 2021
Attualità

"Avevo un problema al cuore, la sanità aretina mi ha salvato", la lettera di ringraziamento

Cinquantenne, dopo una serie di accertamenti lo scorso 28 febbraio è stato operato e salvato.

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di ringraziamento di un aretino nei confronti del personale del reparto di Chirurgia Vascolare. Cinquantenne ha scoperto di avere una patologia cardiaca e dopo una serie di accertamenti è stato sottoposto ad un delicato intervento. Oggi sta bene e dice grazie alla sanità aretina. 

Buongiorno a tutti Voi.
Con questa mia, sono a presentare i miei ringraziamenti ufficiali in merito all’eccellente operato del Reparto di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale San Donato di Arezzo, al Presidio Ospedaliero di Sansepolcro e la Fratta.
A seguito di una serie di controlli richiesti dalla mia cardiologa, mi è stata diagnosticata la chiusura quasi completa della carotide sinistra, evento a quanto pare piuttosto raro in soggetti della mia età (50 anni).

Prontamente mi sono stati fatti eseguire una serie di esami presso Ospedali della Fratta, di Arezzo e della Valtiberina, durante i quali ho potuto riscontrare, da parte di tutti gli operatori sanitari con i quali ho avuto contatto, una grande professionalità, correttezza e soprattutto gran rispetto nei confronti del degente.
Il 28 febbraio alle ore 7 sono stato ricoverato presso il reparto di Chirurgia Vascolare del San Donato di Arezzo (Primario Ercolini Leonardo), ben cosciente della mia situazione e delle conseguenze di un mancato intervento in quanto la mia patologia mi è stata chiaramente descritta da tutti i medici e infermieri con i quali mi sono rapportato durante i vari controlli effettuati.
Sono stato sottoposto ad intervento chirurgico il gg stesso dal Dott. Ercolini Leonardo, e dal suo Staff…… e posso dire che mi ritengo una persona fortunata. Oggi, a distanza di qualche giorno, superato l’immediato post operatorio e con maggiore serenità di animo, scrivo queste righe per ringraziare tutti voi , per la Grande Professionalità e per la grande educazione e rispetto nei confronti del malato. Vorrei ringraziare il dottor Ercolini Leonardo, la dottoressa Mazzitelli Giulia anestesista, il dottor Pepe ed il suo staff, la coordinatrice infermieristica Mascalchi Morena e il suo staff infermieristico, il dottor Migliacci dell’Ospedale La Fratta, e vorrei ringraziare la collaborazione del presidio ospedaliero di Sansepolcro
Venturini Nilo, il servizio di Preospedalizzazione dottoressa Marisa Di Mauro.

Queste che ho nominato sono delle grandi eccellenze della sanità italiana, e vorrei che tutti ne venissero a conoscenza perché non è giusto solo riportare alle cronache episodi di malasanità. Esistono realtà nelle quali medici e infermieri, nonostante i mezzi e la burocrazia e, lo devo dire, pazienti non sempre "pazienti", riescono ad esercitare il loro mestiere a livelli alti, dimostrando non solo capacità professionali, ma anche sensibilità e rispetto del malato e dei familiari.
Grazie di tutto mi avete fatto capire cosa vuol dire amare la propria vita...
Enrico Buracchi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Avevo un problema al cuore, la sanità aretina mi ha salvato", la lettera di ringraziamento

ArezzoNotizie è in caricamento