rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità

Legge unioni civili, un mese di vita. Le celebrazioni ad Arezzo: otto coppie gay iscritte nei registri comunali

Compie il suo primo mese di vita la legge sulle unioni civili. Trenta giorni fa il Consiglio dei ministri ha approvato, in esame definitivo, i tre decreti che hanno adeguato le norme dell'ordinamento dello stato civile. Una normativa...

Compie il suo primo mese di vita la legge sulle unioni civili. Trenta giorni fa il Consiglio dei ministri ha approvato, in esame definitivo, i tre decreti che hanno adeguato le norme dell'ordinamento dello stato civile.

Una normativa particolarmente attesa e che ha segnato un punto di svolta per il riconoscimento di diritti e doveri di tutte le coppie etero non sposate e di quelle Lgbt che, fino a poco meno di un anno fa, non avevano alcuna tutela legale in Italia.

Ora non è più così. Un passo avanti epocale che ha riguardato anche il territorio provinciale aretino. Per quanto concerne le coppie gay che sono convolate a giusta unione in tutto il territorio si contano otto tra celebrazioni e trascrizioni di matrimoni all'estero. Cifra destinata a crescere già dai prossimi mesi visto che, probabilmente in estate, altri innamorati hanno in calendario l'iscrizione al registro delle unioni civili. Il testo per le unioni civili tra persone dello stesso sesso: - L'unione civile tra persone dello stesso sesso è costituita da due persone maggiorenni dello stesso sesso. C'è la possibilità di stipulare comunione dei beni o di optare per la separazione dei beni. - I diritti e doveri derivanti dall'unione civile omosessuale, sono disciplinati sulla falsariga dell'art. 143 (diritti e doveri reciproci dei coniugi) del codice civile sul matrimonio (ad eccezione dell'obbligo di fedeltà). - C'è, in particolare, obbligo reciproco all'assistenza morale e materiale, alla coabitazione e al contributo ai bisogni comuni, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale e casalingo. - È prevista la reversibilità in caso di decesso di una delle parti - Sullo scioglimento dell'unione civile, viene ripresa gran parte della normativa relativa alle cause di divorzio. Saranno applicabili le discipline acceleratorie della separazione e dello scioglimento del matrimonio (negoziazione assistita, procedura semplificata davanti al sindaco quale ufficiale di stato civile). - Se, dopo la rettificazione di sesso, i coniugi manifestano la volontà di non sciogliere il matrimonio o non cessarne gli effetti civili, questo si trasforma automaticamente in unione civile tra persone dello stesso sesso. Le convivenze di fatto per coppie eterosessuali. Sono considerati conviventi di fatto due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale e coabitanti e aventi dimora abituale nello stesso comune. - Sono estesi ai conviventi di fatto alcune prerogative dei coniugi. Tra gli altri: diritti previsti dall'ordinamento penitenziario, di visita e di accesso ai dati personali in ambito sanitario; alla facoltà di designare il partner come rappresentante per l'assunzione di decisioni in materia di salute e per le scelte sulla donazione di organi; diritti sulla casa di abitazione. - I partner possono stipulare un contratto di convivenza, attraverso il quale disciplinare i loro rapporti patrimoniali. - Il contratto di convivenza si risolve in caso di morte; di recesso unilaterale o di accordo tra le parti; in caso di matrimonio o unione civile tra i conviventi o tra un convivente e un terzo. - Alla cessazione della convivenza di fatto potrà conseguire il diritto agli alimenti in capo ad uno dei due partner.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge unioni civili, un mese di vita. Le celebrazioni ad Arezzo: otto coppie gay iscritte nei registri comunali

ArezzoNotizie è in caricamento