menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Lavori su fiumi e torrenti per evitare straripamenti in caso di bombe d'acqua

Interventi sul Ciuffenna e al borro delle Ville, il piano dei lavori spiegato dal Comune di Terranuova Bracciolini

Sono iniziati, come ogni anno in questo periodo, gli interventi di manutenzione sui corsi d’acqua finalizzati alla riduzione del rischio idraulico in previsione della stagione con più alto tasso di precipitazioni nel Vadarno aretino. “Abbiamo già iniziato l’opera di sfalcio e pulizia di alcuni corsi d’acqua tra cui il Ciuffenna e il borro delle Ville e siamo già pronti per intervenire sull’Ascione e sul borro del Tasso – dice il vicesindaco Mauro Di Ponte di Terranuova Bracciolini –. Si tratta di interventi per cui ci siamo avvalsi della collaborazione del Consorzio di Bonifica 23 e la cui realizzazione è svolta principalmente dall’Unione dei Comuni del Pratomagno”. Parallelamente agli interventi di manutenzione per la riduzione del rischio idraulico, l’Amministrazione si sta occupando anche del verde pubblico. Il primo intervento ha interessato Campogialli, in particolar modo il parco della Rimembranza dove, a causa della loro cattiva salute, sono stati tagliati, per essere ripiantumati, tre lecci storici; previsto poi un intervento di potatura per contenere le chiome di altri alberi e renderli maggiormente stabili. “Ad inizio novembre inizieremo anche un intervento significativo di sfoltimento delle chiome di alcune piante presenti sulla Strada Poggilupi, nel tratto che costeggia il Ciuffenna, dal Ponte Mocarini al casello Valdarno – prosegue il vicesindaco Di Ponte – Si tratta di un intervento necessario poiché tali chiome invadono la carreggiata rischiando di arrecare problemi alla circolazione dei mezzi pesanti soprattutto”. Si concluderà il 21 ottobre l’iter per l’assegnazione di gara per la manutenzione del verde pubblico. Il bando, del valore di 300 mila Euro, ha una durata di due anni. Per verde pubblico si intendono circa 30 ettari, tra parchi e giardini, 4 km di corsi d’acqua e 16 cimiteri. Congiuntamente all’assegnazione del bando e allo svolgimento delle attività di manutenzione previste, proseguirà il progetto di integrazione sociale, volto al reinserimento lavorativo di persone rimaste senza occupazione. Grazie alla collaborazione degli assistenti sociali, infatti saranno selezionati, a seconda delle competenze richieste, dei soggetti che andranno a supportare gli operai dell’impresa incaricata. “Il bando di gara per la manutenzione del verde pubblico è da tempo divenuto anche un’opportunità occupazionale per coloro che stanno affrontando un momento difficile a causa della perdita o della mancanza di lavoro - spiega il vicesindaco Mauro Di Ponte - Siamo orgogliosi di poter dare in tal senso una risposta concreta a persone in difficoltà offrendo loro un’occupazione retribuita”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento