Lavori sull'Arno vicino al ponte Ipazia d’Alessandria

La “terapia”, prescritta dai tecnici, prevede l’eliminazione della vegetazione erbacea e il contenimento della vegetazione arbustiva che, complici le temperature estive e le piogge, si sono fatte invadenti e che, proprio per questo, rischiano di rallentare o ostacolare il regolare scorrimento delle acque

Mezzi e uomini al lavoro sull’Arno.

Anche a San Giovanni Valdarno, da qualche giorno, è decollato l’intervento per la manutenzione del fiume: un restyling atteso dagli amministratori e dai cittadini, particolarmente affezionati al corso d’acqua, che attraversa longitudinalmente il centro urbano e che si snoda lungo la bella passeggiata.

Sotto i ferri le barre sedimentate all’interno dell’alveo, nel tratto compreso tra i due ponti e subito a monte del Ponte Ipazia d’Alessandria.

La “terapia”, prescritta dai tecnici, prevede l’eliminazione della vegetazione erbacea e il contenimento della vegetazione arbustiva che, complici le temperature estive e le piogge, si sono fatte invadenti e che, proprio per questo, rischiano di rallentare o ostacolare il regolare scorrimento delle acque.

Centrotrentacinquemila gli euro necessari per realizzare l’operazione, programmata dal Consorzio 2 Alto Valdarno tra gli interventi ordinari, inseriti nel piano annuale delle attività approvato dalla Regione Toscana: un investimento importante e prezioso per mitigare il rischio idraulico, oltre che per restituire decoro a un’area importante e frequentata della città.

Contemporaneamente il Consorzio interverrà su un tratto più esteso dell’asta fluviale: esattamente quello compreso tra l’immissione del Borro di Riofi e delle Cave e l’immissione del Borro dei Frati. In tutto 2 km di spazio da cui devono essere eliminate le erbacce e su cui sarà effettuato un taglio selettivo delle alberature presenti lungo le sponde. Qui infatti sono stati individuati elementi secchi, pericolanti e debolmente radicati che, in caso di eventi meteorologici avversi, potrebbero ribaltarsi all’improvviso, creando problemi al deflusso idraulico e danni alle infrastrutture e ai manufatti circostanti.

Ma per l’Arno il 2019 sarà anche l’anno di un trattamento straordinario. Nelle prossime settimane, infatti, partirà l’annunciato intervento di manutenzione delle arginature leopoldine: un maxi progetto che sfiora i 1.100.000 euro di investimento e che ha ottenuto un importante finanziamento regionale.

Non solo. Il fiume, a San Giovanni Valdarno, come in altri comuni della vallata, sarà sottoposto a un intervento straordinario di manutenzione della vegetazione presente in alveo, lungo le sponde, sulle barre sedimentate e sulle arginature leopoldine: l’operazione, ribattezzata “piano tagli”, è finanziata in gran parte con fondi regionali e decollerà nelle prossime settimane per proseguire nel corso dell’inverno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La strategia del Consorzio 2 Alto Valdarno – spiega la presidente Serena Stefani – è garantire interventi accurati soprattutto nelle aree più densamente popolate e dove di concentrano le attività umane, oltre che nelle aree collinari dove è importante agire per mitigare il rischio idraulico e per assicurare un buon regime delle acque a valle. San Giovanni Valdarno, città tagliata in due dall’Arno e attraversata da numerose aste minori, è una delle realtà della vallata dove è necessario porre un’attenzione particolare sia alle manutenzioni ordinarie che alle manutenzioni straordinarie. Le prime sono ormai a buon punto: i lavori programmati nel piano delle attività sono al 70 per cento eseguiti, mentre il rimanente 30 per cento sarà realizzato entro la fine dell’anno. Oltre agli interventi sui Borri della Madonna, delle Ville, dei Frati, del Quercio e sul torrente Vacchereccia, adesso siamo impegnati sull’Arno, dove sono previsti anche importanti interventi di natura straordinaria, ormai prossimi al decollo. Con questa attività riteniamo di raggiungere un duplice importante obiettivo: potenziare la prevenzione e restituire una buona fruibilità ai corsi d’acqua, in particolare al fiume simbolo del territorio sangiovannese, che è anche il motore della vita sociale ed economica della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento