Lancio dell'immondizia dall'auto in corsa e abbandoni: centinaia di segnalazioni con la nuova app Arezzo Clean

Smart phone alla mano nella lotta al degrado. Ad un mese dalla presentazione la applicazione ideata dal comune di Arezzo fa il pieno di segnalazioni

Non ha un mese di vita ma la app "Arezzo Clean" è già stata bombardata di segnalazioni riguardanti abbandoni sconsiderati di rifiuti e ingombranti che spuntano come funghi.

Sono centinaia i messaggi che gli aretini hanno già inoltrato attraverso l'applicazione che dallo scorso 22 novembre è diventata il vero "centro di smistamento" per comunicazioni anti-degrado.

Capofila dell'iniziativa la consigliera comunale Meri Cornacchini che, da sempre, è impegnata nel mantenimento del decoro urbano e nella lotta contro fenomeni di degrado. E' stata lei a dare lo spunto per la creazione della app visto che, in tempi non sospetti, si era presa la briga di creare il gruppo "Contro i cialtroni". Una chat che raccoglie ancora oggi decide e decine di cittadini uniti nell'intento di mantenere Arezzo pulita e accogliente.

"Ho ricevuto alcune segnalazioni - spiega la consigliera - riguardanti la difficoltà di scaricare l'applicazione. Si tratta di piccoli intoppi tecnici che molto dipendo dai dispositivi. Tendenzialmente però, così come riscontrato anche con l'ingegnere che l'ha creata, questo metodo è efficace. Certo, il materiale non manca visto che ancora oggi sono davvero numerose le segnalazioni che arrivano da parte dei cittadini".

Centinaia di messaggi in meno di un mese. Foto, didascalie e indicazioni stradali fatte con il gps.
Un vero e proprio "reportage" del degrado che consente agli operatori ecologici di intervenire in maniera puntuale e tempestiva.

"Per quello che concerne il ritiro degli ingombranti presso le abitazioni che prenotano il servizio - prosegue la consigliera - non mancano i problemi. Il gestore non sempre risponde prontamente. Anche di recente si sono verificati degli episodi che hanno riscaldato gli animi degli aretini. Fortunatamente siamo riusciti, grazie al supporto dell'amministrazione, a risolvere tutto in tempi rapidissimi. Ma di fatto, non possiamo mai abbassare la guardia".

E poi non mancano neppure episodi al limite dell'immaginazione.
C'è infatti non solo chi si cimenta nell'abbandono di immondizia un po' dove capita ma chi ne ha fatto uno sport.

"Mi sono trovata davanti agli occhi una scena assurda - racconta la consigliera Cornacchini - ero in auto quando ad un certo punto poco distante da viale dei Carabinieri, la vettura davanti alla mia ha abbassato il finestrino ed ha lanciato fuori un sacco nero pieno di spazzatura gettandolo come fosse una semplice cartaccia. Lì vicino, per fortuna, un passante ha notato il fatto ed ha raccolto il sacco portandolo ai cassonetti. Ma alla fine siamo arrivati anche a questo. Credo che il tasso di inciviltà in alcuni casi sia davvero oltre ogni limite immaginabile. L'unica cosa di cui mi dispiaccio e di non essere riuscita a prendere la targa dell'auto perché altrimenti non avrei esitato a fare una segnalazione".

Per quello che invece riguarda il  porta a porta la situazione, dopo le settimane di delirio dello scorso mese, sembra essere migliorata.

"In alcune località passano anche più volte al giorno - prosege - so con certezza che ci sono ancora delle problematiche da risolvere ma per lo meno non siamo davanti a casi di emergenza. Anche per quello che riguarda i cassonetti nuovi, le problematiche si stanno ridimensionando".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Marito e moglie fermati da finti militari, picchiati e rapinati

  • Neve e vento forte: è codice giallo in provincia di Arezzo. L'elenco dei comuni interessati

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento