menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
assistenza-anziani

assistenza-anziani

L'Agorà replica alla Fp Cigl: "Accordi sottoscritti da molti lavoratori"

Con una nota, la direzione della Cooperativa L'Agorà d'Italia replica alle affermazioni della responsabile della funzione pubblica della Cgil sugli accordi sindacali sottoscritti per i lavoratori delle proprie strutture della Valdichiana. “Nei...

Con una nota, la direzione della Cooperativa L'Agorà d'Italia replica alle affermazioni della responsabile della funzione pubblica della Cgil sugli accordi sindacali sottoscritti per i lavoratori delle proprie strutture della Valdichiana.

"Nei rapporti sindacali - afferma la nota - la nostra cooperativa non fa alcuna scelta, tanto meno di comodo, ma si confronta con i lavoratori nella ricerca di soluzioni che consentano di uscire da una situazione di crisi di liquidità che ha creato difficoltà nella regolare corresponsione degli stipendi. E' questo il senso dell'accordo scaturito da un incontro che gli stessi lavoratori, tramite i loro coordinatori, ci avevano richiesto, e che ha portato a un accordo che ad oggi è stato firmato da 63 dei 79 dipendenti delle nostre strutture della Valdichiana, anche tramite il sindacato di riferimento di alcuni di loro che è la Fisascat Cisl. Questo accordo prevede una rateizzazione degli stipendi ancora non pagati, quella che la responsabile della funzione pubblica della Cgil chiama, con un sarcasmo non so quanto appropriato, "comode rate", e data certa di riscossione dal mese di novembre. E' poi necessario sottolineare che nelle strutture per disabili della Valdichiana la scelta di mantenere le gestioni ad alto livello qualitativo, fornendo anche prestazioni non dovute dalla normativa regionale che hanno costi elevati, riduce certamente i margini di guadagno. Sostenere realtà come il Bici Grill, il Centro Diurno "Angori" e fornire alti livelli di prestazioni di riabilitazione è la migliore garanzia di mantenimento, in prospettiva futura, dei livelli di occupazione perché le nostre strutture resteranno un punto di attrazione per l'utenza proprio per la loro offerta qualitativa. Più in generale, infine, sottolineiamo che se questo tipo di accordi, già in atto in altre strutture, vede percentuali di adesione che sfiorano il 90% e che quindi evidentemente da parte di chi lavora con noi c'è la consapevolezza, e direi anche la convinzione, che ce la stiamo mettendo tutta per risolvere una situazione che è frutto del combinato di alcune situazioni locali che pesano nell'immediato ma che porteranno benefici per il futuro e dell'ormai cronico ritardo con il quale molte amministrazioni versano quanto dovuto per i servizi che svolgiamo. Su questi temi siamo comunque disponibili a confrontarci con tutti, nelle sedi che verranno reputate più opportune e ovunque saremo chiamati a farlo", conclude la nota della direzione della Cooperativa L'Agorà d'Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento