La nuova sede del Mercato di Campagna Amica: taglio del nastro in via Spallanzani

Ormai è chiaro: i mercati di campagna amica sono diventati un punto di riferimento per tutti i consumatori aretini,  che hanno fatto del kmzero una vera e propria cultura e uno stile di vita arrivato alla grande dalla campagna alla città. E...

mercato_coldiretti

Ormai è chiaro: i mercati di campagna amica sono diventati un punto di riferimento per tutti i consumatori aretini, che hanno fatto del kmzero una vera e propria cultura e uno stile di vita arrivato alla grande dalla campagna alla città. E questa nuova cultura del cibo, che è anche una nuova cultura dei consumi consapevoli e della salute nel piatto grazie ai prodotti genuini delle imprese agricole aretine, compie, domani, un altro passo decisivo per Arezzo e per i suoi cittadini consumatori, sempre più pronti e preparati grazie all’impegno di Coldiretti e del progetto Campagna Amica: alle ore 09.30 si terrà, infatti, l’inaugurazione della nuova sede del Mercato di Campagna Amica ad Arezzo che si trasferisce dalla zona Le Caselle in Via Spallanzani presso l’area parcheggio della Camera di Commercio di Arezzo.


“Saranno undici – spiega il responsabile di Agri-mercato Coldiretti Arezzo, Leonardo Belperio - le aziende con postazione fissa che sono e saranno presenti al mercato, e sono in grado di offrire praticamente tutti i prodotti necessari per un’ottima spesa nel segno della genuinità: dagli ortaggi alla frutta, dal miele ai salumi alle carni”. “Non mancano poi - spiega ancora Belperio - i sottoli, i formaggi freschi e stagionati, polli e pesce fresco, pescato il giorno prima. Ma anche yogurt, mozzarella e un’azienda florovivaistica. Solo per l’inaugurazione ci saranno anche ulteriori 5 aziende con birra agricola, vino e olio. Si tratta di un momento davvero importante per il sistema dei nostri mercati in provincia di Arezzo, e una location decisiva per il mercato del venerdì mattina in città”.


A testimonianza del fatto che un mercato di Campagna Amica non è più soltanto un luogo dove si compra del cibo sano e di origine certa ad un prezzo più che ragionevole, ma che ormai è molto di più, durante l’inaugurazione, si terrà anche una riflessione su un tema che è davvero cavallo di battaglia Coldiretti: il Focus su “La spesa consapevole si può fare: l’esperto a tavola risponde” alla presenza di Fondazione Campagna Amica e delle autorità localidove parleremo su quanto sia importante saper leggere le etichette ed essere informati per l’acquisto dei prodotti sani e genuini.

Ma non basta. Novità rivoluzionaria e a servizio del cittadino, saranno presenti anche i tutor dell’orto e della carne.


Il primo per insegnare con semplicità ed esempi al consumatore a coltivare piante e ortaggi di stagione negli orti di casa, una iniziativa che rappresenta una grande occasione per carpire ed imparare come gestire la produzione di prodotti orticoli di qualità fatti in casa, visto i tutor dell’orto possono offrire consulenza al mercato. Un italiano su quattro, infatti, ha un orto, secondo Coldiretti. Ma con quali risultati? Non sempre soddisfacenti: nasce così la nuova figura del personal trainer per gli orti in città con il compito di offrire consulenza e tutoraggio al numero crescente di italiani affascinati dalla possibilità di coltivare l’orto e garantirsi cibi genuini lavorando a diretto contatto con la natura e a casa propria. Un’opportunità resa oggi più accessibile grazie alle tante innovazioni presenti sul mercato: dall’orto portatile a quello verticale, dall’orto “riciclabile” a quello in terrazzo, da quello didattico a quello bio.

Ma Coldiretti mette a disposizione dei consumatori un “tutor della carne” che possa dare consigli e indicazioni utili per un consumo consapevole e responsabile dei nostri prodotti della migliore zootecnia. La novità è rivolta ai consumatori: più informazione a partire dai mercati di vendita diretta e dagli stessi allevatori. Di fronte ai continui attacchi che disorientano i consumatori e all’invasione dei prodotti sottoposti a controlli decisamente diversi rispetto a quelli attuati nel nostro Paese, gli allevatori di Coldiretti rispondono direttamente a chi fa la spesa ogni giorno, ai cittadini consumatori. Ecco allora la novità del tutor della carne che debutterà domani al mercato di Campagna Amica con dimostrazioni pratiche sulla preparazione della carne, informazioni ai consumatori su origine, caratteristiche della carne nostrana, scelta dei tagli migliori.

Sappiamo ormai bene che Coldiretti non è solo prodotto ovviamente, e quindi, nell’area del mercato,soltanto per l’inaugurazione, verrà allestito un Info Point di Epaca, il patronato Coldiretti, per la verifica e consulenza gratuita sulla posizione e le possibili prestazioni per tutti i cittadini in ambito previdenziale e fiscale, visto che la stessa Epaca non ha funzione solo in ambito agricolo ma può agire a tutto campo nel sociale cittadino: ha il compito di assistere i cittadini per il conseguimento delle prestazioni previste da leggi o regolamenti. Svolge tutela gratuita per la difesa dei diritti delle Persone e contribuisce al miglioramento della legislazione sociale.


“Insomma - spiega il direttore di Coldiretti Arezzo, Mario Rossi – sarà un mercato completo, dove è possibile trovare tutto ciò che occorre per una vera spesa di qualità e stagionalità e dove è possibile degustare e acquistare prodotti freschi, tipici e tradizionali provenienti da tutta la provincia aretina e non solo, in grado di offrire le migliori garanzie in termini di qualità, di sicurezza e di un legame stretto con il territorio e le tradizioni locali”. Il mercato rappresenta anche “un momento di dialogo con i consumatori – conclude Rossi – la cui crescente attenzione ai prodotti locali è un riconoscimento dell’impegno degli imprenditori agricoli nel garantire la leadership qualitativa nella produzione alimentare: tutto ciò è testimoniato anche dai dati Coldiretti che spiegano che sono triplicati negli ultimi cinque anni gli italiani che fanno la spesa dal contadino nelle fattorie o nei mercati degli agricoltori dove è stato raggiunto il record di 15 milioni di presenze nel 2015”.

E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ resa nota a quindici anni dall’approvazione della legge di orientamento che ha rivoluzionato l’agricoltura italiana allargando i confini dell’imprenditorialità agricola nella tutela ambientale, nelle attività sociali, nella trasformazione aziendale e nella vendita diretta.


“Un exploit da ricondurre - sottolinea poi Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana e Arezzo – all’attenzione per il benessere, la forma fisica e la salute, oltre che alla sostenibilità ambientale e alla volontà di difendere e valorizzare il proprio territorio come dimostra il fatto che il 70% degli italiani è addirittura disposto a pagare di più un alimento del tutto naturale, il 65% per uno che garantisce l’assenza di Ogm, il 62% per un prodotto bio e il 60% per uno senza coloranti”.

Nei mercati e nelle fattorie si trovano prodotti locali del territorio, “messi in vendita direttamente dall’agricoltore – insiste Marcelli - nel rispetto di precise regole comportamentali e di un codice etico ambientale, sotto la verifica di un sistema di controllo di un ente terzo: i mercati degli agricoltori promuovono la conoscenza della stagionalità dei prodotti, ma anche la filosofia del km zero, con i cibi in vendita che non devono percorrere lunghe distanze, riducendo le emissioni in atmosfera dovute alla combustione di benzina e gasolio”. “Gli effetti - spiega Marcelli - si fanno sentire anche sugli sprechi che vengono ridotti per la maggiore freschezza della frutta e verdura in vendita che dura anche una settimana in più, non dovendo rimanere per tanto tempo in viaggio. Oltre a ciò, svolgono una importante azione di recupero di varietà a rischio di estinzione”.

Si stima che - rileva Coldiretti - almeno 100 varietà vegetali definite minori, tra frutta, verdura, legumi, erbe selvatiche e prodotti ottenuti da almeno 30 diverse razze di bovini, maiali, pecore e capre allevati su scala ridotta trovino sbocco nell’attuale rete di mercati e fattorie degli agricoltori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento