La lettera di due genitori: "Matrignano, siamo stati presi in giro"

A proposito della chiusura dell'asilo di Matrignano, riceviamo e pubblichiamo la lettera di due genitori. Siamo due genitori. Relativamente giovani: oggi è difficile organizzare una casa e ancora più difficile è mettere al mondo un figlio. La...

IMG_5907

A proposito della chiusura dell'asilo di Matrignano, riceviamo e pubblichiamo la lettera di due genitori.

Siamo due genitori.

Relativamente giovani: oggi è difficile organizzare una casa e ancora più difficile è mettere al mondo un figlio. La nostra bambina il prossimo anno andrà alla materna. Abbiamo fatto tutte le pratiche, presentate le domande, lette le graduatorie. Lo ammettiamo: quando abbiamo visto il suo nome nella lista della scuola di Matrignano abbiamo tirato un sospiro di sollievo e siano rimasti contenti. Andrà alla materna, ci siamo detti.

Poi ieri sera abbiamo letto altro. Il vice sindaco ha dichiarato che la scuola non è a norma per le leggi antisismiche e che il Comune non intende spendere i soldi necessari per la ristrutturazione. Punto.

Cioè? Il suo pensiero è chiaro: rimettere le mani sulla scuola, anche se il progetto è già nei piani del Comune, non è più tra le sue priorità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Domanda: il Comune è suo? Lui può decidere con una dichiarazione alla stampa che spenderà in altro modo i 600mila euro messi a bilancio per la scuola?

E i diritti dei bambini? Quelli delle famiglie?

Noi pensiamo a nostra figlia che si è vista sottrarre da un minuto all’altro quel diritto che le stesse istituzioni le avevano assegnato. Ma pensiamo anche ai bambini che in questo momento sono a Matrignano. E ci domandiamo: sono al sicuro? Perché oggi si tiene aperta una scuola che non verrà riaperta a settembre? Il pericolo scatta in autunno? In primavera e in estate non ci sono terremoti? La politica ci interessa poco. Noi guardiamo all’istituzione che ci rappresenta e ci governa. Questa istituzione ha inserito Matrignano tra le scuole utilizzabili, ha aperto e chiuso le iscrizioni, ha fatto una graduatoria. Pensiamo sia suo dovere fare, nella pausa estiva, i lavori necessari e far rientrare i bambini a settembre. Facciamo fatica ad immaginare altre soluzioni che siano rispettose delle famiglie e dei bambini. Come abbiamo scritto all’inizio, essere genitori oggi è veramente difficile. Evitiamo un peso ulteriore: essere presi in giro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento