La Fap-Acli chiede un nuovo welfare per i non-autosufficienti 

La politica rivolga una rinnovata attenzione alla cura e alla tutela delle persone non-autosufficienti. A lanciare l'appello è la Federazione Anziani e Pensionati delle Acli che attraverso il suo vicepresidente nazionale, l'aretino Paolo Formelli...

Acli Arezzo - Paolo Formelli-2

La politica rivolga una rinnovata attenzione alla cura e alla tutela delle persone non-autosufficienti. A lanciare l'appello è la Federazione Anziani e Pensionati delle Acli che attraverso il suo vicepresidente nazionale, l'aretino Paolo Formelli, ha evidenziato le difficoltà vissute da sempre più cittadini che, con l'avanzare dell'età, non godono di risorse e assistenza per continuare una vita dignitosa. L'analisi delle problematiche vissute dagli anziani e l'individuazione di strategie per superarle ha da sempre rappresentato una priorità della Fap-Acli che è quotidianamente attiva nell'ascolto dei bisogni e delle esigenze dei soggetti più deboli della popolazione. Le maggiori attenzioni sono rivolte alla terza età, una fascia particolarmente in difficoltà i cui problemi potrebbero essere soddisfatti con rinnovate scelte politiche volte al miglioramento del welfare, alla coesione sociale e alla lotta all'emarginazione.

In questo senso, una priorità riguarda il superamento dell'isolamento e della scarsa attenzione verso chi non è auto-sufficiente, prevedendo nuovi contributi e nuove forme di sostegno: il 60% delle famiglie italiane è infatti in difficoltà nel sostenere le spese d'assistenza ad un proprio caro e, di queste, il 25% ha dovuto intaccare una quota dei propri risparmi, il 50% ha ridotto i consumi e il 5% si è indebitato. La crisi economica ha reso ulteriormente grave la situazione, trasformando un bisogno di assistenza in un costo sociale altissimo e portando ad un aumento della povertà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Negli ultimi dieci anni - spiega Formelli, - la trasformazione del welfare e del sistema di assistenza italiano ha creato un paradosso: abbiamo assistito alla riduzione delle risorse pubbliche a disposizione e ad un progressivo disimpegno dei soggetti preposti alla sanità verso l'assistenza ai non-autosufficienti, nonostante il diritto alla salute. Sono state le stesse famiglie e il terzo settore che, con grandi fatiche, hanno coperto le carenze di scelte politiche e culturali che hanno ridotto gli spazi di salute, la coesione sociale e la solidarietà pubblica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • LIVE | Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni Arezzo, affluenza ore 23: alle comunali è del 47,26%. Regionali e referendum: i dati comune per comune

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento