menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Olivone di Montebenichi: il secolare esemplare autoctono della Valdambra

Le analisi genetiche confermano che è una cultivar autoctona della Valdambrase sarà il testimonial del1°concorso fotografico

A Bucine, nel Campo di Collezione della Biodiversità Olivicola della Valdambra, sono stati messi a dimora10 nuovi genotipi di olivo per un totale di 40 esemplari. Le piante sono state identificate nel corso di osservazioni effettuate nel territorio comunale di Bucine nel 2018 per poi essere riprodotte in vivaio con lo scopo proprio di tutelare e salvaguardare la biodiversità olivicola della Valdambra. Un risultato raggiunto grazie al lavoro di Graziano Sani e Paolo Pestelli, i primi ad aver creduto nella bontà di questa iniziativia. Una biodiversità incredibile quella della Valdambra che trova conferma nei primi risultati sulle analisi genetiche condotte sugli esemplari della collezione svolte da Claudio Cantini del Cnr Ibe di Firenze in collaborazione con l'Università di Siena. I riscontri stanno confermando che l'Olivone di Montebenichi ed altri fenotipi autoctoni della Valdambra sono con tutta probabilità esemplari unici ed esclusivi di questo territorio. Questo olivo secolare rappresenta una varietà autoctona della Valdambra e questo lo rende una pianta unica che ha resistito a tutte le avversità ambientali e parassitarie nei vari secoli della sua lunga vita. Si presenta come una pianta molto rustica, produttiva, poco alternante e che non manifesta sintomi di rogna. Produce un olio caratterizzato da un alto valore biologico e nutrizionale avendo un contenuto di acido oleico molto elevato (79%). Dalle prime osservazioni rilevate in campo, le giovani piantine di Olivone sono entrate immediatamente in produzione presentando uno sviluppo vegetativo equilibrato senza eccessi di vigoria. Dall’attività di caratterizzazione dei fenotipi autoctoni della Valdambra è emerso che anche altri esemplari si sono dimostrati molto interessanti e promettenti in termini sia agronomici che di qualità della produzione.

"Questa conferma - commenta il sindaco Nicola Benini - ci rende estremamente orgogliosi di ospitare nel nostro territorio l'Olivone di Montebenichi, olivo unico e secolare, ma sopratutto ci spinge con determinazione a continuare il percorso di valorizzazione dell'olivicoltura della Valdambra intrapreso, anche in collaborazione con l'associazione per la Valdambra e le aziende del territorio, con il progetto Olionostrum. Grazie a questi risultati potremo pensare alla produzione di nuovi oli evo monovarietali esclusivi del territorio di Bucine e della Valdambra, estratti adottando innovative tecnologiee protocolli di produzione al fine di ottenere oli contraddistinti da elevati standard qualitativi, cercando di esaltarne quanto più possibile le caratteristiche organolettiche e nutrizionali".

E quale miglior omaggio poteva essere fatto all'Olivone di Montebenichi, testimonial della Valdambra, se non diventare protagonistia del primo concorso fotografico "Le quattro stagioni della Valdambra". Quattro i temi oggetto del contest: "Edifici storici e Borghi"; "Paesaggio agricolo nelle quattro stagioni"; "Le filiere agroalimentari" e "Attività sportive outdoor". Fotografi dilettanti, amatori o professionisti potranno partecipare con un massimo di quattro foto per tema, fino al 31 dicembre 2021. L'iscrizione è gratuita.

"È un'iniziativa fatta in collaborazione con il gruppo fotografico Carpe Diem con lo scopo di promuovere e valorizzare Bucine e la Valdambra - prosegue il sindaco -  La Valdambra offre scorci e panorami mozzafiato. Fortunatamente la mano dell'uomo non è intervenuta troppo nel corso del tempo e questo ha permesso al nostro territorio di rimanere quasi intatto; una bella occasione per i fotografi amanti della natura, i cui scatti saranno utilizzati nel nuovo sito turistico www.visitvaldambra.com e sui social dedicati al turismo in Valdambra".

Enzo Righeschi, presidente del gruppo fotografico Carpe Diem, aggiunge "Carpe Diem è nato lo scorso ottobre a Cavriglia ma siamo già molto attivi soprattutto nel territorio; abbiamo pensato ad un concorso fotografico che riguardasse la Valdambra perché è un angolo della Toscana poco conosciuto ma davvero interessante per luci, colori e vedute".

I premi messi in palio per ogni tema sono: un weekend per due persone presso una struttura ricettiva della Valdambra; una cena per due persone presso un ristorante/osteria della Valdambra; un cesto di prodotti della Valdambra. Informazioni più dettagliate, iscrizione Regolamento, sono consultabili al sito  https://www.gruppofotograficocarpediem.it/contest/ e su https://www.visitvaldambra.com/

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento