Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

“Diamoci una mano: conoscere per conoscersi”. Parte il progetto per comprendere il lavoro degli infermieri 118

Il progetto nasce da un’idea di Patrizia Donati che ha voluto questo incontr per far conoscere il lavoro degli infermieri del 118 agli operatori delle forze dell’ordine

“Castiglion Fiorentino è il primo comune che grazie agli operatori del 118 di Arezzo partecipa su base volontaria alla formazione per il primo soccorso per essere non solo una città ‘cardioprotetta’ ma anche ‘cardioformata’.”

Sono queste le parole del sindaco Mario Agnelli all’indomani del corso, rivolto prevalentemente alle forze dell’ordine e che ha visto la partecipazione dei carabinieri e della polizia municipale. Un momento di formazione che ha preso il titolo “Diamoci una Mano: conoscere per conoscersi”.  

Il progetto nasce da un’idea di Patrizia Donati, infermiera 118, che ha voluto far conoscere il lavoro svolto dagli operatori dell'emergenza urgenza alle forze dell’ordine. L’incontro raccoglie anche le richieste della popolazione troppo spesso non informata sui ruoli e sulle competenze dei professionisti della salute.

foto 3-4-6

“La proposta è stata accolta con vivo interesse dal sindaco di Castiglion Fiorentino, sempre molto attento alle tematiche socio-sanitarie del territorio, che ha messo subito in moto la macchina organizzativa e messo a disposizione gli ambienti che hanno accolto l’iniziativa” ha affermato Patrizia Donati.  Nell’occasione gli infermieri presenti hanno insegnato ai presenti le manovre di rianimazione di base e l’utilizzo del defibrillatore, indispensabili per salvare una vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Diamoci una mano: conoscere per conoscersi”. Parte il progetto per comprendere il lavoro degli infermieri 118

ArezzoNotizie è in caricamento