Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Repowering inceneritore San Zeno, Ghinelli: "Nessun raddoppio". La Ato Toscana Sud approva i corrispettivi d’ambito

 

Quanto pagheranno i comuni della Toscana del sud per il servizio di smaltimento e raccolta rifiuti nel 2019?
Presto detto. Il conto è di oltre 157 milioni di euro (cifra che arriva a superare i 172 milioni se comprensiva di Iva). La previsione di spesa è quella emersa in seguito alla riunione di ieri che ha visto i 104 comuni delle province di Siena, Arezzo e Grosseto riunirsi nell'ambito dell'assemblea di Ato Toscana Sud.
In questo stesso contesto i primi cittadini dei capoluoghi toscani hanno approvato i corrispettivi d’ambito, ovvero quanto ciascuno pagherà a Sei Toscana per il servizio rifiuti.

"L'assemblea si è espressa quasi all'unanimità su questa scelta - ha spiegato il presidente dell'Ato Toscana Sud Alessandro Ghinelli - Siena, Grosseto e ovviamente Arezzo, stanno lavorando in maniera unitaria. I sindaci hanno dimostrato di saper interpretare molto bene il loro ruolo nell'ambito della gestione dei rifiuti. Lavoreremo per raggiungere gli obiettivi prefissi che, in primo luogo, è l'abbattimento della produzione di rifiuti indifferenziati e poi il contenimento della spesa per i cittadini".

Per quello che invece concerne il dibattito relativo al progetto regionale su quello che viene chiamato, impropriamente, raddoppio dell'inceneritore di San Zeno ma che di fatto si tratta di un repowering, il sindaco di Arezzo si è espresso per la prima volta sostenendo come: 

"Nessuno aveva chiarito ai cittadini che si tratta di fatto di un efficentamento ma non di un raddoppio. Verranno attivate delle opere di pulizia della caldaia principale in modo tale vi potranno essere conferite maggiri quantità di scarti. Questo però non significa che verranno costruite nuove parti di impianti. San Zeno è uno dei pochissimi impianti a livello italiano che è un impianto di recupero integrale che può sia termovalorizzare che produrre materiale di recupero".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento