Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fp Cgil: "Altri tre bandi per dirigenti. A rischio 25 determinati tra cui educatrici dell’infanzia e vigili urbani"

Fp Cgil: “Scelte dell’amministrazione insostenibili, la nostra proposta per valorizzare il personale interno con un’organizzazione più orizzontale”

Si è tenuta questa mattina nel chiostro del palazzo del Comune di Arezzo l’assemblea del personale indetta dalla Funzione Pubblica della Cgil di Arezzo per i suoi iscritti e i simpatizzanti.

La riunione si è resa necessaria dopo che, nonostante l’appello dei rappresentanti della Fp Cgil e le richieste di confronto sul piano assunzionale varato dall’amministrazione, sono stati pubblicati altri bandi per l’incarico ad altri tre nuovi dirigenti. Dopo quello che ha portato alla nomina del nuovo direttore della Fondazione Guido D’Arezzo e quello per il settore della manutenzione, si arriva così a 5 incarichi dirigenziali.

“L’assemblea di stamani è stata fatta volutamente durante il consiglio comunale - ha spiegato il segretario provinciale della Fp Cgil di Arezzo Gian Maria Acciai - proprio per dimostrare la necessità che ha il personale di essere valorizzato sia in termini di professionalità che numerici. Le risorse delle capacità assunzionali ci servono tutte per garantire e mantenere i servizi ai cittadini che devono avere un numero congruo e preparato di dipendenti. Queste politiche del personale ci trovano assolutamente contrari.”

A rischio sono soprattutto i contratti a tempo determinato che anche in questo anno sono stati fondamentali per sostenere servizi essenziali e fortemente provati dal prolungamento della pandemia come quelli educativi e della polizia municipale.

“Noi riteniamo che sia una mossa sbagliata perché così si vanno ad esaurire i fondi per i tempi determinati - spiega nel dettaglio Giacomo Nebbiai delegato agli enti locali per la Fp Cgil di Arezzo e della Rsu del Comune di Arezzo - Basti pensare che così rischiano di non essere rinnovati i contratti di 25 dipendenti a tempo determinato, tra i quali quelli di 16 educatrici dell’infanzia in scadenza il 30 giugno e 6 vigili urbani che terminerebbero il 31 luglio. 

Di contro abbiamo proposto e inviato un’alternativa che darebbe soddisfazione al nuovo modello organizzativo varato a fine 2020 dall’amministrazione comunale, attraverso l’istituzione di posizioni organizzative al posto di dirigenti, che hanno il vantaggio di costare molto meno perché con le risorse di una posizione apicale si possono avere 7 posizioni organizzative. Così si valorizzerebbe il personale interno senza inserire professionalità esterne che, come dimostrato in questi ultimi anni, non sono state finora esempi edificanti.”

Si parla di

Video popolari

Fp Cgil: "Altri tre bandi per dirigenti. A rischio 25 determinati tra cui educatrici dell’infanzia e vigili urbani"

ArezzoNotizie è in caricamento