Il nuovo ambasciatore della Slovenia a Sansepolcro per celebrare il 4 novembre

Oggi 4 novembre alle 11,30 presso il cimitero monumentale di viale Osimo il sindaco di Sansepolcro Daniela Frullani ha partecipato alla cerimonia di deposizione di una corona in omaggio ai caduti presso il "Sacrario degli Slavi", uno dei quattro...

SLOVENIA2

Oggi 4 novembre alle 11,30 presso il cimitero monumentale di viale Osimo il sindaco di Sansepolcro Daniela Frullani ha partecipato alla cerimonia di deposizione di una corona in omaggio ai caduti presso il "Sacrario degli Slavi", uno dei quattro in Italia. Nel Sacrario sono contenute le urne di 446 jugoslavi, provenienti soprattutto dalla Slovenia e dalla Croazia, morti in Italia durante la detenzione nel campo di concentramento di Renicci di Anghiari e nella lotta di Liberazione. Alla cerimonia con il Gonfalone della Città hanno partecipato il Sindaco e Vicesindaco Andrea Laurenzi, il Colonnello Boris Rutar addetto militare dell’ambasciata slovena in Italia e Bogdan Benko, nuovo ambasciatore della Repubblica di Slovenia in servizio effettivo dallo scorso 19 ottobre, a Sansepolcro per uno dei suo primi incarichi ufficiali. Presenti come ogni anno anche rappresentanti dell’ANPI di Sansepolcro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“Tanti giovani sono morti per il proprio paese – ha detto nel suo intervento il sindaco Frullani – cerchiamo insieme di custodirne la memoria a 100 anni dalla grande guerra“.

“Uno dei primi appuntamenti come ambasciatore è proprio qui a Sansepolcro – ha dichiarato l’ambasciatore Benko portando il saluto dell’ambasciata – grazie a tutti coloro che curano il sacrario in nome della storia e degli ideali di giustizia e libertà che accumunavano coloro che sono morti “.

Il Sacrario degli Slavi fu inaugurato nel 1973, realizzato dal governo jugoslavo dietro progetto dello scultore Jovan Kratohvil e contiene 446 urne con la stella rossa dove sono conservati i resti di altrettanti cittadini della ex Jugoslavia morti in Valtiberina ma anche in altre parti d’Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento