menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
mattarella-rossi

mattarella-rossi

Il governatore Rossi incontra Mattarella nello stand del Chianti

"Abbiamo una storia antica, come ha ricordato anche il presidente della Repubblica. Trecento anni fa Cosimo dei Medici fece un decreto che individuava la zona del Chianti come buona per produrre vino e da allora i toscani hanno cercato sempre di...

"Abbiamo una storia antica, come ha ricordato anche il presidente della Repubblica. Trecento anni fa Cosimo dei Medici fece un decreto che individuava la zona del Chianti come buona per produrre vino e da allora i toscani hanno cercato sempre di migliorarsi. Gli ultimi dati sono davvero importanti, anche dal punto di vista economico. Dico che a volte arriviamo un po' tardi a imparare a fare sistema, ma quando arriviamo recuperiamo il tempo perso".

Così il presidente Enrico Rossi stamani a Vinitaly, nello stand del Chianti classico, dove ha salutato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha visitato lo stand in occasione dei 300 anni dell'editto del Granduca Cosimo III de' Medici che per primo, con uno specifico bando, delimitò i confini del territorio di produzione del vino Chianti Classico.

La nascita del Consorzio Avito dopo tanti richiami a fare sistema, è stata una piacevole sorpresa - ha quindi proseguito il presidente commentando la neonata associazione dei vini della Toscana Dop e Igp, il primo organismo unitario di rappresentanza della viticultura toscana, formato dai consorzi di tutela della regione - Alla fine gli imprenditori e i consorzi si sono presentati con questo consorzio dei consorzi del vino toscano che ci permette di avere un interlocutore e quindi fare davvero politiche per la promozione e per supportare questa importante attività. Aggiungo - ha quindi detto Rossi - che abbiamo anche il piano del paesaggio. Il piano del paesaggio consente, con una semplice domanda, di recuperare terreni che sono stati abbandonati ma che in precedenza avevano una vocazione agricola. Quindi tutti i terreni collinari potrebbero nuovamente essere ripuliti e riscoperti, potremmo piantare viti e produrre ancor più vino in Toscana. Quanto all'export sta andando bene, si tratta di aumentarlo ulteriormente. Adesso dobbiamo cogliere la possibilità di penetrare il mercato cinese, opportunità per noi decisiva. I francesi sono un po' favoriti perché hanno piattaforme logistiche, noi no. Ma possiamo competere bene con loro in altri modi.

Il presidente Rossi quindi ha proseguito la sua visita nel padiglione della Toscana facendo il giro di tutti gli stand.

foto facebook

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento