rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Attualità Centro Storico / Via Petrarca

"No alla guerra, sì alla pace". E la vetrina del tabacchi diventa un messaggio di speranza

Le artiste Marisa e Roberta Paggini all'opera con pennelli e colori in via Petrarca. Il titolare del negozio: "Ciò che accade in Ucraina è terribile. Non possiamo fare finta di niente"

Mettere i fiori nei cannoni sarebbe bello. Ma nei momenti di crisi come quello attuale, si sparano proiettili veri. E allora in tanti cercano di dare un piccolo contributo per testimoniare che la guerra non è mai la cosa giusta, che un piano B esiste sempre e che in questo mondo sgangherato pulsa ancora una coscienza che si fa sentire.

Stamani chi è transitato lungo via Petrarca, avrà notato due donne all'opera davanti alla vetrina della tabaccheria resa celebre dalle vincite milionarie ai giochi a premi. Armate, si fa per dire, di pennelli e colori, hanno cambiato faccia all'ingresso del negozio, disegnando la bandiera blu e gialla dell'Ucraina, quella policroma della pace e la colomba con il ramoscello d'ulivo in bocca. Poi hanno aggiunto cuori e fiori, simboli universali di concordia e buoni sentimenti.

sorelle paggini guerra ucraina tabacchi petrarca disegno-2

"Ho chiesto un aiuto alle sorelle Marisa e Roberta Paggini perché sono due artiste formidabili - ha spiegato Anthony, uno dei titolari del tabacchi. Avevano pitturato la nostra vetrina anche a Natale e gli apprezzamenti erano stati trasversali. Stavolta il messaggio è ancora più importante: stiamo assistendo a scene tremende che arrivano dall'Ucraina, c'è bisogno di solidarietà, di partecipazione. Vogliamo dimostrare che nel mondo la sensibilità verso ciò che succede, anche se a centinaia di chilometri di distanza, è viva. Non possiamo voltarci dall'altra parte, dobbiamo dare un segnale e dire no alla guerra. Sopra l'insegna del tabacchi, da qualche giorno ho messo la bandiera della pace: l'altra notte qualcuno ha provato a bruciarla ma per fortuna non c'è riuscito. A maggior ragione dico che un gesto in più contro la guerra e la prepotenza non è mai inutile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No alla guerra, sì alla pace". E la vetrina del tabacchi diventa un messaggio di speranza

ArezzoNotizie è in caricamento