Attualità

Elezioni e green pass: scrutatori e presidenti dovranno presentarlo per il ballottaggio

Chi sta al seggio è equiparato al personale della pubblica amministrazione, pertanto dal 15 ottobre, come prevede il decreto, dovrà mostrare il green pass. Per il primo turno il problema non si pone (si terrà il 4 e 5 ottobre) ma si porrà per il ballottaggio del 18 e 19 ottobre

Elezioni senza bisogno di green pass, ma al ballottaggio per gli scrutatori si profila l'obbligo di mostrare il certificato verde. E' quanto emerge dal decreto che è stato pubblicato questa notte in Gazzetta ufficiale e che entra in vigore oggi. 

I cittadini dei quattro comuni dell'Aretino che andranno alle urne il 3 e 4 ottobre - ovvero Anghiari, Civitella, Montevarchi e Sansepolcro - non dovranno mostrare il green pass per entrare nel seggio: elettori, presidenti e scrutatori saranno esonerati. Ma solo al primo turno. In caso di ballottaggio (e questo può avvenire solo nel comune di Sansepolcro) per chi sarà al seggio le cose cambieranno. Perché il decreto sancisce l'obbligo per i dipendenti pubblici di avere il certificato verde a partire dal 15 ottobre e, dato che scrutatori e presidenti sono assimilati a dipendenti pubblici,  alla data del ballottaggio - previsto  nei giorni 18 e 19 ottobre - dovranno essere provvisti di green pass. 

Elezioni amministrative 2021, ecco come si vota

Decreto, le novità per i dipendenti 

E' questa una delle novità presenti nel decreto in vigore da oggi fino al 31 dicembre. Ma il vero cambiamento scatterà dal 15 ottobre: da quando cioè sarà obbligatorio per i lavoratori del pubblico e del privato essere muniti di green pass. Chi non lo avrà, risulterà assente ingiustificato dal lavoro e quindi non percepirà la stipendio, ma non potrà essere licenziato o sospeso.

Ecco nel dettaglio cosa prevede il decreto. 

Dal 15 ottobre, e fino al 31 dicembre, ci sarà l'obbligo di esibizione del certificato nei luoghi di lavoro, pubblici e privati.  Via libera anche ai tamponi calmierati non solo nelle farmacie ma anche nelle strutture convenzionate. Green pass obbligatorio, infine, anche per i magistrati ma non per avvocati, consulenti, periti e testimoni.

  • Rimane la sospensione dello stipendio già dal primo giorno ma non le sanzioni disciplinari.
  • La disposizione si applica a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi  titolo,la propria attività lavorativa o di   formazione o di volontariato presso le amministrazioni pubbliche e private anche sulla base di contratti esterni.
  • Non si applica ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di  idonea certificazione medica.
  • I datori di lavoro sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni. Entro il 15 ottobre 2021 dovranno definire le modalità operative per l'organizzazione delle verifiche, anche a campione, individuando con atto formale i soggetti  incaricati dell'accertamento.
  • Chi è sprovvisto della certificazione verde Covid-19 al momento dell'accesso al luogo di lavoro è considerato assente ingiustificato, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del posto di lavoro. Per i giorni di assenza ingiustificata non sono dovuti retribuzione né altro compenso o emolumento.
  • Per le imprese con meno di quindici dipendenti, dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata è prevista sostituzione con sospensione del rapporto di lavoro per un periodo non superiore a dieci giorni, rinnovabili per una sola volta.
  • Menzione a parte per la giustizia: il green pass è richiesto a magistrati ordinari e onorari, amministrativi, contabili e militari, e ai componenti delle commissioni tributarie. Esenti coloro che accedono ai palazzi di giustizia ma estranei alle amministrazioni come avvocati, consulenti, periti, testimoni e parti dei processi. 
  • Cambia anche la durata del green pass, esteso fino a 12 mesi per i vaccinati e i guariti dal covid. Tuttavia il green pass sarà valido dal giorno stesso della vaccinazione e non più dopo i 15 giorni dalla somministrazione del vaccino.
  • I tamponi rapidi saranno a prezzo calmierato nelle farmacie e in tutte le strutture sanitarie convenzionate, autorizzate o accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e  autorizzate  dalle regioni alla  somministrazione  di  test antigenici fino al 31 dicembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni e green pass: scrutatori e presidenti dovranno presentarlo per il ballottaggio

ArezzoNotizie è in caricamento